23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

25/10/2017sereno con veli

23 ottobre 2017

Treviso

Nella Marca si coltivano circa 250mila quintali di funghi all’anno

Treviso è leader nazionale nella coltivazione dei funghi, Coldiretti: "Servono più tutele sulla provenienza"

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - “Il fungo made in Treviso va tutelato ed i consumatori devono sapere la provenienza dei funghi coltivati perché il rischio è comprare prodotti coltivati senza regole con l’aggiunta di conservanti discutibili per poter sostenere lunghi viaggi che io personalmente non vorrei mai mangiare”. Walter Feltrin, presidente di Coldiretti Treviso, ha le idee chiare e plaude all’iniziativa di Coldiretti Nazionale che si è rivolta a Bruxelles per una tutela più precisa e determinata.

Per Coldiretti Treviso il tema è di grande importanza. La Marca, infatti, è leader nazionale con un terzo della produzione italiana di funghi coltivati per circa 250 mila quintali all’anno. Il Veneto ne coltiva il 50% del Paese.

“I funghi venduti freschi devono, quindi, riportare obbligatoriamente in etichetta o su appositi cartellini il luogo di raccolta o coltivazione, per evitare che prodotti stranieri vengano spacciati per italiani come purtroppo spesso è avvenuto fino ad ora” -spiega Coldiretti nel rendere noti i contenuti della risposta ufficiale della Commissione Europea ad un quesito sollecitato dalla stessa Organizzazione per smascherare pericolose furbizie nel commercio di prodotti simbolo del Made in Italy.

“La Commissione Europea - sottolinea Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Treviso – ha chiarito che le indicazioni obbligatorie devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e che l'indicazione del Paese di origine è sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, anche se esentati dal rispetto della norma di commercializzazione generale, come tartufi e funghi spontanei”.

Nel 2016 sono stati importati in Italia oltre 7 milioni di chilogrammi tra funghi e tartufi freschi, dei quali 2,5 milioni di chili arrivano dalla Polonia e oltre 2 milioni dalla Romania, per un valore complessivo di 41 milioni di euro.

“La prossima battaglia riguarda i prodotti trasformati dove purtroppo – Walter Feltrin – c’e’ ancora poca trasparenza e quindi è urgente un intervento legislativo chiarificatore. Sono infatti notevolissimi i volumi di prodotti importati destinati alla trasformazione, Si stima oltre 1,3 milioni di chilogrammi di funghi e tartufi secchi, tritati o in polvere, spesso spacciati per italiani”.                                                     

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×