21/11/2017foschia

22/11/2017parz nuvoloso

23/11/2017nuvoloso

21 novembre 2017

Vittorio Veneto

No alla svendita del Cansiglio, in 58 fanno lo sciopero della fame

Ecco la lettera aperta degli ambientalisti al presidente Zaia

commenti |

CANSIGLIO - Continua lo sciopero della fame contro la vendita dell'ex Hotel San Marco in Cansiglio.

 

Gli ambientalisti hanno scritto una lettera aperta al presidente Luca Zaia, che qui pubblichiamo: "Un paio di giorni fa il presidente Zaia a Radio Cortina, in merito al Cansiglio, ha affermato che , al di là delle richieste degli ambientalisti e del digiuno in corso, la cessione del San Marco deve andare avanti poiché la vendita, la ristrutturazione e la ripresa dell’attività alberghiera sono indispensabili per il rilancio economico del Cansiglio e, afferma, che nessuna altra parte del demanio verrà messa in vendita.

 

Prima di tutto al presidente Zaia vorremmo ribadire che nella richiesta di non vendere non c’è nulla di politico o di contrapposizione tra chi governa la regione e il mondo ambientalista, anzi, molti di noi hanno apprezzato il suo tentativo di arginare la legge nazionale sull’obbligatorietà dei vaccini.

 

Ma noi ci stiamo occupando di Cansiglio ormai da oltre 30 anni e di giunte regionali e presidenti, sia di Veneto che di Friuli, ne abbiamo visti passare parecchi e sempre, di qualsiasi parte fossero, abbiamo tentato la via del dialogo e delle proposte, prima di passare alla contrapposizione aperta.

 

Anche con il presidente Zaia abbiamo sempre provato a dialogare ( anche se nessun presidente di regione ha mai voluto incontrarci di persona), evitando al massimo attacchi gratuiti o contrapposizioni frontali. Da decenni continuiamo ad operare secondo la stessa idea generale: il Cansiglio va protetto, non si cambia in peggio la situazione presente ma si opera per migliorarla.

 

Ma per noi questo miglioramento non può verificarsi né costruendo piste e impianti da sci (collegamento via Palantina) né mettendo in vendita parti del demanio e poi magari dare il via ad uno sviluppo economico tutt’altro che sostenibile. Ci stiamo impegnando per questo anche in tutte le Dolomiti, patrimonio Unesco, dove forti spinte economiche tentano di sfruttare la massimo il territorio per fini solo economici e trasformare le montagne più belle del mondo in una cartolina da vendere sul mercato mondiale, senza alcun fine né di tutela né di conservazione.

 

Lo stesso vale per il Cansiglio che non può diventare una cartolina, un panorama senza anima, ma il turismo e l’economia vanno governati in modo da non peggiorare ma anzi da migliorare l’assetto naturale esistente. Il presidente Zaia nella sua intervista afferma che serve un investitore che recuperi e ristrutturi il San Marco per il rilancio turistico del Cansiglio, ma è esattamente quello che abbiamo accettato anche noi, sostenendo, assieme al comune di Tambre, la richiesta dell’azienda Quick Light Food che da due anni si è dichiarata disponibile a prendere in affitto il San Marco così come è ora, a ristrutturarlo a sue spese senza demolirlo e renderlo agibile in tempi brevissimi, poco più di un anno, al servizio sia delle attività dell’azienda ma anche del turismo.

 

E questa sarebbe la soluzione ideale poichè chi conosce il Cansiglio sa che sull’altopiano le cosiddette stagioni morte, cioè la primavera e l’inizio dell’inverno, quando ci sono intere settimane di pioggia, vedono pochissimi turisti presenti, rendendo così impossibile una gestione non in perdita di una grossa struttura alberghiera. Perché allora continuare ad ignorare questa possibilità che risponderebbe sia alle esigenze economiche che alla richiesta di non vendere il Cansiglio, Foresta inalienabile? Toio de Savorgnani (Mountain Wilderness), Michele Boato (Ecoistituto del Veneto)digiunano dal 9 al 16 settembre, assieme a Monia Foderà e Luisa Camatta (per l’intero periodo) e altre 54 persone (uno o due giorni a testa tra il 9 e il 16 settembre)".

 

Questa la lista delle persone che hanno aderito all'iniziativa:

10/9 Leda Cossu,Francesca Rocchi, Franco Bastianon;

11/9 Sara Michieletto,Luca Minardi,Ivano Sala, Liliana, Daniele Dal Mas, Edi Canal, Liliana Battistuzzi, Lucy Battistuzzi;

12/0 Giancarlo Gazzola, AnnaMaria Santolini, Francesco Paloschi, Franco Rigosi; 13/9 Alessandra Cecchetto Coco, Maria Cossu, Berta Brandler, Elvio Terrin, Gianni, Tiberio Monari, Raffaella Zabeo;

14/9 Monica Giori, Marco Scapin, Giorgio Marcozzi, Monia Foderà, Gian Luigi Placella, Isabella Albano, Mauro Da Ros;

15/9 Anna Ippolito,Giovanni Leone, Moreno Piccin(Morens);Giulia Anichini;

16/9 Christian De Danpierre, Giannarosa Marino,Federica Zanchetta; E inoltre, in giornate da stabilire:, Gianni De Luigi, David Boato, Giorgio Dini, Bibi Bozzato, Francesca Magarotto, MariaRosa Poloniato, Tarcisio Solighetto, AnnaRita De Martin, Richelda Carniello, Alesandra Boeche,Giuseppe Mosena, Marco Bearbaghi, Piero Netto, Arturo Tullich Teni, Martina Giraldi, Michele Solbiati, Adelmo Andreuzza, Giorgio e Lucia Santi, Tiberio Monari,Paola Casagrande, Piero Netto e Luisa Camatta. 

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×