21 gennaio 2020

Castelfranco

MORTA E SEPOLTA ALL’INSAPUTA DEI PARENTI

L'anziana si trovava ricoverata a Roma. I nipoti hanno avuto la conferma del decesso solo dopo essersi recati in municipio

| commenti |

| commenti |

Altivole – I nipoti non ne hanno saputo nulla. L’anziana zia malata si trovava in casa di riposo di Roma. Da oltre vent’anni aveva perso la parola in seguito ad un ictus. Qualche giorno fa hanno scoperto quasi per caso che la donna era morta il 2 giugno scorso.

Il funerale ed il seppellimento erano avvenuti senza che nessun parente ne fosse informato. La vicenda riguarda tale Ines Sanvido, nata nel 1921, e da adolescente trasferitasi nella capitale per prestare servizio come domestica in casa di un facoltoso avvocato.

Aveva lavorato fino al 1986, dopodiché si era ammalata. La famiglia per cui lavorava ne aveva disposto il ricovero nel centro per anziani. I nipoti, alcuni si trovano a Caselle d’Altivole, altri a Torino e ce ne sono anche in Francia, la sentivano di tanto in tanto: chiamavano al telefono e parlavano con le infermiere.

La casa di riposto veniva pagata con la pensione e con una sovvenzione comunale. All’ultima telefonata, però, una nipote si è insospettita perché dall’altra parte della cornetta erano stati evasivi: dicevano che la zia lì non c’era più, che era stata trasferita. Dicevano di rivolgersi ai parenti.

La nipote ha detto di essere lei stessa una parente, ma nulla, non hanno voluto dirle che era morta. Ha contattato i cugini, ma nessuno era stata avvertito della morte della congiunta. Hanno avuto la conferma che fosse deceduta solo dopo essersi recati in municipio ad Altivole, dove all’anagrafe il decesso era stato comunicato.

Solo dopo parecchi sforzi sono riusciti a sapere dove si trova seppellita. L’avvocato per cui prestava servizio è morto e i suoi famigliari si sono negati. Di mezzo ci sarebbe anche un appartamento di cui l’anziana era proprietaria e di cui sembra che la famiglia per cui lavorava fosse usufruttuaria.

I nipoti ci tengono a far sapere che non puntano all’eredità, ma di essere rimasti sconcertati dal fatto che sia stata tenuta nascosta la morte dell’anziana.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×