08 dicembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

PROSECCO, SABATO LE AUDIZIONI PER LA NUOVA DOC E DOCG

Manzato: "Siamo ad una svolta cruciale nel percorso costruito per tutelare il Prosecco a livello mondiale"

| commenti |

| commenti |

PROSECCO, SABATO LE AUDIZIONI PER LA NUOVA DOC E DOCG

Valdobbiadene - E’ famoso in tutto il mondo e rappresenta l’orgoglio del territorio che lo produce. Il protagonista è sempre lui, il Prosecco, “la migliore risposta alla crisi economica”, secondo il governatore Giancarlo Galan, che ha rivolto il suo apprezzamento all’intitolazione della scuola di ristorazione di Valdobbiadene all’enologo e poeta Piero Berton, primo presidente dell'Associazione Enologi di Conegliano.

Sabato 14 marzo si prospetta un appuntamento storico per il Prosecco: si terranno, infatti, le pubbliche audizioni relative alle richieste di riconoscimento e di approvazione del disciplinare per le nuove DOCG “Conegliano Valdobbiadene” e “Colli Asolani” e per la nuova DOC “Prosecco”.

“Siamo ad una svolta cruciale nel percorso costruito per tutelare il Prosecco a livello mondiale contro le imitazioni che sfruttano il successo ottenuto dal coraggio e dal lavoro dei nostri viticoltori e in generale di quelli del Nord Est – ha riferito il vicepresidente della Giunta regionale Franco Manzato – che a partire soprattutto dal trevigiano hanno dato il via ad una enologia eroica e a un grande fenomeno spumantistico, enologico e di gusto, partendo da un uva spesso snobbata in passato”.

Ad ospitare gli appuntamenti riguardanti le Denominazioni d’Origine Controllata e Garantita sarà la Sala Borsa della Camera di Commercio di Treviso: alle 9 per la DOCG “Colli Asolani o Asolo” e alle 11 per la DOCG “Conegliano Valdobbiadene”. La pubblica audizione relativa alla nuova DOC “Prosecco” è in programma, invece, nella sede del Collegio Brandolini Rota di Oderzo, alle ore 14,30.


 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×