13 novembre 2019

Castelfranco

Emofiliaci da tutto il Veneto marceranno per la difesa dell’ospedale di Castelfranco

Comitato sommerso da messaggi di solidarietà e da adesioni alla grande marcia di protesta

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

CASTELFRANCO “Io abito a 600 km da Castelfranco ma in ogni caso sarò presente a eventuali manifestazioni, insieme ad altri emofilici che si curano presso l’ematologia dell’ospedale San Giacomo. Non mollate!”: è uno dei tanti messaggi significativi che in queste ore stanno arrivando al Comitato “Difendiamo in nostro ospedale” dopo l’annuncio di un grande evento di protesta in piazza.

Una reazione forte che ha di gran lunga superato le più rosee aspettative del gruppo di cittadini che da anni si adopera per salvaguardare i servizi della struttura ospedaliera: «Ci mobiliteremo e torneremo a manifestare per combattere il drastico taglio dei posti letto da 300 a 186 e ora addirittura a 169 – spiegano dal Comitato -; per sbugiardare chi sostiene che un istituto di ricerca oncologica arrivato da Padova possa fungere da generoso sostituto per un'altra azienda sanitaria che non riesce più a garantire tutte le prestazioni che prima assicurava; per impedire che Castelfranco diventi la periferia insignificante di Treviso e Padova e per evitare che la politica danneggi il territorio con scelte sbagliate e rassicurazioni vuote”.

Ancora non è stata annunciata la data della manifestazione che porterà in piazza tutti coloro che sono contrari alle recenti scelte regionali ma quanti sono interessati a dare una mano posso contattare il gruppo attraverso i contatti reperibili nella pagina Facebook “Difendiamo il nostro ospedale - Castelfranco Veneto”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×