16 settembre 2019

Treviso

Salvini con le corna da diavolo che bacia il crocifisso: cancellato il murales in Restera

Gli operai comunali incaricati dal sindaco Conte hanno ridipinto il sottopasso pedonale

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Una passata di pittura fresca per cancellare il murales alto oltre due metri che ritraeva il ministro dell’Interno Matteo Salvini in bianco e nero con corna da diavolo rosse, un rosario in mano, mentre bacia il crocifisso. Questa mattina gli operai incaricati dal sindaco Mario Conte hanno rimosso il murales apparso qualche giorno fa all’ingresso della Restera, nel tunnel ciclopedonale sotto la ferrovia.

Il dipinto anti-Salvini è stato cancellato, così come altri dipinti e scritte che riempivano i muri del sottopasso, portandosi dietro non poche polemiche. “Il murales non era arte - attacca Stefano Pelloni capogruppo del Pd a Treviso - mentre la scritta poco distante (e antecedente al murales di Salvini) evidentemente era una forma d’arte intoccabile. Comunque per pulire in meno di 24 ore i sottopassi pedonali basta disegnare Salvini sulle pareti”.

“Si tratta di una provocazione. Questa non è arte - ha detto il sindaco Conte - Va ad inquinare l’ottimo lavoro svolto da veri artisti lungo la Restera”.

Anche Anthropica, prende le distanze dall’opera che ritrae Salvini. “Anthropica non ha nulla a che vedere con l'opera né con l'anonimo autore - sottolinea Michele Zappia, presidente dell’associazione che si occupa di valorizzare e abbellire il paesaggio lungo il Sile attraverso l’arte urbana- Da anni lavoriamo con la pubblica amministrazione, sia con questa che con la precedente, in un percorso che consideriamo molto positivo e proficuo per noi e per la città in generale. Ad essere sinceri, se pur è vero che la satira ai potenti c'è fortunatamente sempre stata, avremmo quindi preferito che simili interventi fossero fatti altrove, onde evitare impropri accostamenti con il nostro lavoro”.

Intanto a poche ora di distanza dal lavoro di tinteggiatura è apparsa subito una scritta eloquente “Sei una m..”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×