26 agosto 2019

Treviso

Una lezione affollata

La lezione di Bordin sulla Sacra Sindone ha richiamato un folto pubblico

admin | commenti |

immagine dell'autore

Lunedì scorso la “Lezione aperta” del Prof. Franco Bordin, tenuta presso l’Aula Magna Itis. nell'ambito dei corsi indetti dall'Università della terza età Ippolito Pinto, sul tema“La Sindone di Torino” ha richiamato un numeroso pubblico. Il Prof. Bordin ha brevemente esposto le vicende storiche, attraverso le quali la Sindone è arrivata fino a noi, in Italia, a Torino; ha ampiamente descritto le caratteristiche dell’immagine dell’Uomo in essa raffigurata e le possibili ipotesi di come questa si sia formata; la più sorprendente è quella che potrebbe essere stata impressa durante quel fenomeno chiamato Risurrezione. Si è particolarmente soffermato sugli ultimi studi del 1988, riguardanti la datazione al radiocarbonio della Sindone, che dimostrerebbero un’età medievale del tessuto, messa successivamente in discussione da recenti studi, condotti nel 2005, con tecniche particolari modernissime, che non hanno comunque ancora risolto tutti i misteri, per cui è denominata da alcuni “Vangelo scientifico” ed è in pieno accordo con le Sacre Scritture. Il Prof. Bordin, alla fine della lezione, proiettando l’immagine del Volto dell’Uomo, ha lasciato il pubblico con l’interrogativo del Vangelo di Matteo 16, 13-19: “…e tu, chi credi che io sia?”

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×