06 dicembre 2019

Castelfranco

NIENTE INSULINA IN OSPEDALE, ACQUISTATA IN FARMACIA

Hanno dovuto farlo i famigliari di un’anziana ricoverata in ortopedia per un intervento

| commenti | (2) |

| commenti | (2) |

NIENTE INSULINA IN OSPEDALE, ACQUISTATA IN FARMACIA

CASTELFRANCO – La donna, una 90enne, mercoledì scorso aveva subito un intervento per la frattura di un femore, dopo una caduta all’interno della casa di riposo di cui è ospite. Venerdì sera, i sanitari hanno chiamato il nipote 27enne dell’anziana e gli hanno richiesto telefonicamente di acquistare dell’insulina in farmacia perché loro non ne avevano a disposizione.

Lui è rimasto sbigottito, dato che era stata fornita la cartella clinica in cui è scritto che soffre di diabete e deve prendere l’insulina tutti i giorni. Ma si è visto comunque costretto a provvedere. Per questo ha chiamato la casa di riposo di Possagno in cui l’anziana è ospitata, ma non gli hanno dato l’insulina. Quindi si è recato in una farmacia di Montebelluna, dove gli è stata fornito il medicinale senza ricetta grazie al fatto che conosceva personalmente il farmacista.

Solo a quel punto è riuscito a portare il medicinale alla nonna. Il 27enne ha sollevato il caso ritenendo quanto accaduto paradossale. Anche se secondo l’Ulss 8 si è seguito il protocollo.

Di seguito una nota dell’Ulss 8

La direzione medica dell'Ulss 8 precisa che, dopo le opportune verifiche del caso, la situazione sopra descritta si è verificata nel rispetto dei protocolli previsti qualora il farmaco necessario per la patologia non rientri tra quelli inseriti nel Prontuario farmaceutico ospedaliero per sanare il momento emergenza di assenza del farmaco. La direzione sottolinea infatti che l'Ulss è tenuta a garantire la continuità di cura del paziente in qualsiasi momento del ricovero.

 Qualora il farmaco di cura sia incluso nel Prontuario farmaceutico ospedaliero esso è disponibile nel magazzino e pertanto viene consegnato al reparto entro un'ora dalla richiesta. Qualora, invece il farmaco di cura non sia incluso nel Prontuario farmaceutico ospedaliero - come nel caso della signora sopra descritto - la disponibilità del farmaco è garantita entro le 24 ore del primo giorno feriale successivo.

Pertanto, essendo il caso accaduto nella serata di venerdì ed essendo il farmaco disponibile entro le 13 del lunedì successivo, i medici l'Ulss 8, come prassi, sono tenuti a consegnare ai familiari della paziente una ricetta farmaceutica con la prescrizione del farmaco necessario, da procurare in una farmacia esterna, per il quale viene assicurato il pagamento da parte della stessa Ulss 8. E' questo il sistema più semplice e rapido per garantire la continuità di cura del paziente fino al momento del recupero del farmaco da parte della farmacia ospedaliera.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×