10 dicembre 2019

Castelfranco

ASTA MILIONARIA PER UN TERRENO EDIFICABILE VICINO ALLA FRAM

Il Comune vende un appezzamento su cui si potranno edificare 37 mila metri cubi. Polemica in consiglio comunale

| commenti |

| commenti |

Castelfranco - Il Comune vende ancora. Un’altra area edificabile verrà immessa nel mercato. Ancora in prossimità della Fram. Si tratta di un appezzamento in via Francia, a nord dell’area ex Fram, ed in fianco all’appezzamento venduto tempo addietro in cui ora sta edificando un megacomplesso residenzial-commerciale la Domicapitol, l’immobiliare della famiglia Polegato, alias Geox.

Un’area su cui potranno essere edificati palazzi per 37 mila metri cubi. Cemento che andrà ad affiancarsi a quello che andrà a ricoprire l’area ex Fram (500 mila metri cubi) e quello dove si sta innalzando la struttura targata Geox (137 mila metri cubi). Verrà fatta un’asta per alienare il terreno. Non si sa ancora la data, si sa invece quale sarà la base da cui potranno partire gli offerenti: 6,7 milioni di euro. Si sa anche che si tratterà di un’asta ad offerta segreta.

Del caso si è discusso durante l’ultima seduta del Consiglio comunale. Immancabili le polemiche, visto e considerato quanto accaduto con l’ex Fram, dove decine di cittadini si sono mobilitati promuovendo due ricorsi al Tar pur di bloccare il progetto. Secondo il Partito Democratico si sta cementificando l’intera zona. E non solo.

“I 37 mila metri cubi – ha detto il capogruppo Livio Frattin – si sommeranno ai 50 mila di Geox e ai 143 mila dell’ex Fram.Si traducono in una popolazione di oltre 1.500 abitanti concentrati tra borgo Treviso ed il centro commerciale. Per non parlare dell’indotto delle attività direzionali e commerciali. Intanto il tema delle case popolari continua a non trovar soluzione e si vede come il Comune sia alle prese con una chiara contraddizione: crescono a dismisura i contributi pubblici per quella fascia di popolazione che non ce la fa a pagare l’affitto e intanto il Comune invece che dare i terreni all’Aeep per realizzare case popolari fa aste per beni di lusso”.

Critico anche Giovanni Squizzato (Lega): “La maggioranza ha detto che bisogna vendere, ma non abbiamo capito dove andranno i soldi che introiterà il Comune. Forse immettono nel mercato quell’area perché hanno capito che alla Fram non riusciranno a vendere”.

“Con la vendita del terreno – ha detto il capogruppo di Vivere Castelfranco Renato Tesser – il Comune potrà meglio autofinanziare la progettazione e realizzazione di opere pubbliche necessarie, come le piste ciclabili e le scuole, senza far gravare nuove tasse sui cittadini e mantenendo alto il livello dei servizi. Con questa vendita un’altra porzione di terreno edificatorio viene ceduto ai privati e si completa un altro tassello del Gst, approvato più di venti anni fa”.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×