21 gennaio 2020

Castelfranco

ALTRI DUE MOTOCLISTI MORTI PER STRADA

Uno è stato investito da un rumeno ubriaco ora accusato di omicidio colposo

| commenti | (1) |

| commenti | (1) |

Volpago/Loria – Altri due centauri perdono la vita sulla strada. Si tratta di Tito Longato, 47 anni, di Piombino Dese (Pd) e di Paolo Carmeci Cardillo, 33 anni, catanese di origine, ma residente a Rossano Veneto (Vi).

Gli incidenti mortali si sono verificati sabato, uno alle 16, a Volpago del Montello, l’altro alle 18,30, a Bessica di Loria. Tito Longato era in sella alla sua Ducati 1100 insieme alla convivente di 34 anni; ferita, ma non rischia la vita.

Si è scontrato con una Ford Escort guidata da una donna scivolando in una scarpata. L’uomo, ancora in vita nei momenti immediatamente successivi all’impatto, è stato trasportato in condizioni gravissime al Ca’ Foncello di Treviso con l’elicottero. È spirato poco prima della mezzanotte.

L’incidente di Loria in cui ha perso la vita il 33enne di origini siciliane vede ancora una volta l’alcool nel ruolo di protagonista. Il suo scooter Piaggio 200 è finito addosso ad una Bmw guidata da un rumeno di 28 anni, C.G., poi risultato positivo all’alcoltest e ora accusato di omicidio colposo.

Secondo la ricostruzione dell’accaduto, pare che il rumeno abbia invaso la corsia opposta, falciando il centauro, colpevole solo di essersi trovato al posto sbagliato al momento sbagliato.

Cardillo è stato trasportato all’ospedale di Castelfranco. Le sue condizioni erano disperate. È spirato intorno alle 20,30, poco prima di essere operato.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×