16 dicembre 2019

Non fate la carità!

Categoria: Persone - Tags: Tosi, Verona, Carità

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti | (2)

Uhm, rieccomi.

Ho latitato un po' dal blog-chiacchiere. Però intendo produrre due  giustificazioni a corredo dell'assenza: nell'ahi-lasso! di tempo in cui non postato/bloggato, ho intervistato per OggiTreviso/il Quindicinale il secessionista/separatista/serenissimo Franco Rocchetta e ho spazzolato un'indecorosa quantita di cioccolato fondente.

Non so - esattamente - in che ordine le due faccende si siano succedute, ma la cronologia degli eventi di fronte a questioni come secessione e cacao70% è irrilevante.

 

Dunque.

Avete avuto sentore di Quel che è accaduto a Verona?

Tosi ha avuto un'illuminazione patriarcale. Non ha scritto dieci comandamenti, ma un'ordinanza dall'eco quanto meno antibiblica.

Tosi, sindaco di Romeo&Giuliettown, ha vietato di portare cibo ai senzatetto che stazionano nelle zone centrali della città scaligera.Pena: una multa che va dai 25 ai 500 euroni.

Nel legiferare, pare abbia accolto le spazientite richieste-sbuffo dei residenti che erano stufi di veder bivaccare questo e quel senzatetto su aree destinate ai turisti.

 

Di fronte all'indignazione civica, Tosi ha fatto come Mosè: ha scritto sulla tavola del Mac un comandamento secondo cui  la carità non s'ha da fare. Qualcosa del tipo: Non desiderare di dare da mangiare agli affamati.

Tommaso d'Aquino che aveva prodotto un saggio sulla legge dell'amore, infilandoci carità e dieci comandamenti aveva finito la legislatura, per cui niente. Non ha potuto argomentare nulla di contrario alla normativa tosiana.

Che ora giace, a imperitura memoria amministrativa leghista tra i Capuleti e i Montecchi, tra i caritatevoli e gli affamati.

L'ultima carta giocata nella roccaforte (scrostata) della Lega è un po' come l'ultimo atto di una tragedia shakeraspirina.

Ma se William (Shakespeare, non Windsor) fosse qui oggi anziché un'opera teatrale scriverebbe probabilmente solo il baloon di una vignetta: Non fate la carità. Chi ha fame s'ha d'arrangiar.

 

Lo so: non è poesia.



Commenta questo articolo


A quando il: non fate casino!
Cioè, a quando la messa al bando delle moto che per il rumore che fanno sembrano aerei su 2 ruote? Quelle non deturpano l'ambiente e il quieto e civil vivere?
Troppo politici & amici amanti delle 2 ruote iper casiniste evidentemente.
Mentre nessun politico & amico nelle condizioni dei senza detto stra evidentemente.

segnala commento inopportuno

Questo signorino che ama farsi riprendere con il tigrotto in mano si ricorda che la politica è servizio alla comunità e che (guarda caso) le scelte del suo partito negli ultimi 30 anni hanno contribuito all'aumento della povertà per milioni di persone in questo paese ?
Ogni tanto il signore con il tigrotto si ricorda che se lui è li con le tasche piene è grazie a chi le ha vuote ?
andasse a far qualcosa

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×