24/06/2019sereno

25/06/2019sereno

26/06/2019sereno

24 giugno 2019

Treviso

Non gli riconoscono status di rifugiato, aggredisce il medico puntandogli una penna al collo

Caos alla Commissione territoriale di Treviso. Il nigeriano di 20 anni è stato bloccato dalla polizia

commenti |

TREVISOAllarme ieri verso mezzogiorno alla Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale. Un nigeriano di 20 anni è andato in escandescenze aggredendo un medico puntandogli una penna al collo. Sul posto pochi istanti dopo sono intervenute le volanti della polizia. Gli agenti hanno provato inizialmente a dissuadere il ragazzo, poi approfittando di un suo momento di distrazione sono riusciti a liberare il medico dalla sua presa.

 

I poliziotti l’hanno quindi accompagnato in questura per verificare la sua identità, dato che era privo di documenti. Una volta lì si è scoperto che è proveniente dalla Nigeria e che ha appunto 20 anni, si tratta di un soggetto già noto alle forze dell’ordine. È stato denunciato per i reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale ed interruzione di pubblico servizio.

 

Si è successivamente accertato che era andato in escandescenze dopo aver avuto il rifiuto del riconoscimento di status di rifugiato, per poi allontanarsi verso il Centro di salute mentale di via Venier.

Qui ha fatto irruzione nello studio medico dello psichiatra che lo seguiva fino a qualche mese fa in un percorso di cura, costringendolo, con la penna puntata al collo, a seguirlo presso la sede della Commissione territoriale per convincere i funzionari a riconoscergli lo status di rifugiato, in quanto affetto da problemi psichiatrici. Solo grazie all’immediato intervento della polizia si è riuscito ad evitare che il medico riportasse lesioni.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×