16/07/2018temporale e schiarite

17/07/2018possibile temporale

18/07/2018quasi sereno

16 luglio 2018

Italia

"Non mollare!", tutti per Nadia Toffa

"Non mollare", "sei la più forte", "forza!". Il web stringe in un gigantesco abbraccio

commenti |

"Non mollare", "sei la più forte", "forza!". Il web stringe in un gigantesco abbraccio virtuale la 'Iena' Nadia Toffa, colpita nel pomeriggio di oggi da un malore e ora ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell'Ospedale di Cattinara, Trieste.

 

Sono in tantissimi, infatti, a voler dedicare un pensiero all'inviata d'assalto della popolare trasmissione Mediaset, fra le più amate del gruppo di giornalisti impegnati nelle diverse inchieste. Primo fra tutti il collega Dino Giarrusso, autore di un post a pochi minuti dalla notizia del malore: "Amici che mi state scrivendo e chiamando: anche io sono in apprensione per la salute della mia carissima Nadia Toffa. Non ho notizie - si legge - se non quelle che hanno tutti: vi prego quindi di aspettare come stiamo facendo noi, e di avere fiducia nei medici che l'hanno in cura. Forza Nadia!".

 

Personaggi dello spettacolo, ma anche comuni utenti uniti al grido di "non fare scherzi!", preoccupatissimi per le sorti della giornalista di cui, al momento, si sa ben poco: "Forza Nadia Toffa, fai vedere la Iena che c'è in te!", "siamo con te!", "hai la stoffa e gli attributi per superare anche questo ostacolo! Io ti aspetto presto alle Iene", "stringi i denti", "ti abbraccio forte", sono solo alcuni delle decine e decine di messaggi di solidarietà che stanno letteralmente invadendo Twitter e Facebook in attesa di sapere quando Nadia potrà tornare alle sue inchieste.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×