28/05/2018variabile

29/05/2018possibile temporale

30/05/2018possibile temporale

28 maggio 2018

Esteri

Nordcorea, sul sito nucleare spunta un campo da pallavolo

commenti |

Un gruppo di persone impegnate in quelle che sembrano partite di pallavolo in un campo allestito in un sito nucleare della Corea del Nord. E' quanto hanno scoperto gli esperti statunitensi che analizzano immagini satellitari provenienti dalle basi dove vengono realizzati i test nucleari, in questo caso quello di Punggye-ri.

Diffuse da '38 North', istituto di studi della Johns Hopkins University, nel Maryland, le immagini sono state scattate domenica da un satellite commerciale in un momento di crescente tensione tra Pyongyang e gli Stati Uniti per le voci di un''imminente' sesta prova atomica.

Gli analisti hanno fornito due possibili motivi per l'attività inaspettata nel sito. Secondo John Bermudez, uno dei ricercatori, una spiegazione potrebbe essere che "i preparativi per il test sono stati messi in stand-by con il personale che può concedersi un po' di tempo libero", oppure Pyongyang ha avviato una pausa tattica "per confondere gli avversari sull'imminenza del test, posticipandolo in momento più vantaggioso politicamente".

Le presunte partite si sono svolte in tre aree differenti dell’installazione, ossia i piazzali davanti agli uffici amministrativi, ai dormitori per i soldati e al comando. Secondo il 'New York Times', la Corea del Nord è consapevole che i suoi siti per i test nucleari sono sotto intensa sorveglianza e le partite di pallavolo giocate nel mezzo di una crisi internazionale hanno forse l’obiettivo di mandare un messaggio, che tuttavia non è chiaro.

"Indipendentemente", si legge in una relazione, "il sito di test nucleare Punggye-ri sembra in grado di condurre un sesto test nucleare in qualsiasi momento una volta ricevuto l'ordine da Pyongyang".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×