25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Valdobbiadene Pieve di Soligo

I nuovi assunti nella Marca hanno meno di 30 anni, ma 9 contratti su 10 sono precari

Lo studio presentato dalla Cisl rovescia le tesi di Unindustria

commenti |

CISON DI VALMARINO - I nuovi assunti dalle imprese in provincia di Treviso sono in maggioranza giovani con meno di 30 anni, cioè proprio quei ragazzi "ingiustamente accusati da Unindustria Treviso di non essere interessati a lavorare nelle aziende del territorio: la ripresa c'è ma l'atipicità nei contratti di lavoro è diventata la norma".

 

Lo ha sostenuto oggi la segretaria generale della Cisl di Treviso-Belluno, Cinzia Bonan, riferendosi ad un intervento di qualche mese fa di Maria Cristina Piovesana, presidente dell'associazione industriale di Treviso, che descriveva uno scenario nel quale i giovani eviterebbero di iscriversi a corsi di formazione preferendo seguire modelli di professioni ad alta risonanza mediatica quale quella dello chef.

 

"I dati ricavati da un nostro studio sul mercato del lavoro nelle due province - ha aggiunto Bonan - ci dicono invece chiaramente che le aziende trevigiane e bellunesi assumono i ragazzi, ma il vero problema è che ai giovani, nove volte su dieci, vengono fatti firmare dei contratti precari: a tempo determinato, a chiamata, in partita Iva, spesso falsa, e, soprattutto, di somministrazione.

 

Quest'ultima tipologia contrattuale nel secondo trimestre del 2017 è aumentata del 30% a Treviso e di quasi il 70% a Belluno".

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×