24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Castelfranco

Nuovo progetto Ipsia, intelligenza artificiale per le traduzioni

Si è iniziato con desti dall’inglese di Shakespeare ed Hemingway

commenti |

CASTELFRANCONuova sperimentazione per gli studenti di alcune classi dell'Ipsia “Galilei”: stanno utilizzando l'intelligenza artificiale nella traduzione ed elaborazione di testi letterari di William Shakespeare ed Ernest Hemingway.

 

“Le traduzioni di testi con Google translate, Microsoft translator, o Facebook translator, che sono comunemente utilizzati dagli studenti e non solo, non danno spesso risultati soddisfacenti in quanto producono una traduzione letterale sequenziale  parola per parola – spiega il professor Daniele Pauletto, che sta seguendo il progetto -. Mancano alcune sfumature e idiomi, oppure la traduzione di questi idiomi risulta spesso errata o poco corretta. Per risolvere il problema abbiamo cercato sistemi più evoluti che impiegassero l'Intelligenza artificiale A.I. (il machine learning)”.

 

Quali sono le differenze? “Tali sistemi – prosegue - offrono spesso una traduzione più naturale che si avvicina a quella di un traduttore umano. L’apprendimento automatico (chiamato anche machine learning dall'inglese) fornisce ai computer l'abilità di apprendere senza essere stati esplicitamente programmati. Basta inserire i dati in un algoritmo generico e l’algoritmo genera una propria logica basandosi sui dati inseriti”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×