16/07/2018possibile temporale

17/07/2018quasi sereno

18/07/2018quasi sereno

16 luglio 2018

Castelfranco

Nuovo progetto Ipsia, intelligenza artificiale per le traduzioni

Si è iniziato con desti dall’inglese di Shakespeare ed Hemingway

commenti |

CASTELFRANCONuova sperimentazione per gli studenti di alcune classi dell'Ipsia “Galilei”: stanno utilizzando l'intelligenza artificiale nella traduzione ed elaborazione di testi letterari di William Shakespeare ed Ernest Hemingway.

 

“Le traduzioni di testi con Google translate, Microsoft translator, o Facebook translator, che sono comunemente utilizzati dagli studenti e non solo, non danno spesso risultati soddisfacenti in quanto producono una traduzione letterale sequenziale  parola per parola – spiega il professor Daniele Pauletto, che sta seguendo il progetto -. Mancano alcune sfumature e idiomi, oppure la traduzione di questi idiomi risulta spesso errata o poco corretta. Per risolvere il problema abbiamo cercato sistemi più evoluti che impiegassero l'Intelligenza artificiale A.I. (il machine learning)”.

 

Quali sono le differenze? “Tali sistemi – prosegue - offrono spesso una traduzione più naturale che si avvicina a quella di un traduttore umano. L’apprendimento automatico (chiamato anche machine learning dall'inglese) fornisce ai computer l'abilità di apprendere senza essere stati esplicitamente programmati. Basta inserire i dati in un algoritmo generico e l’algoritmo genera una propria logica basandosi sui dati inseriti”.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×