19 settembre 2019

Esteri

Obama attacca a colpi di humour

''Il mio avversario ha la romnesia''

commenti | (1) |

WASHINGTON - ''Romnesia'' è il termine coniato dal presidente americano Barack Obama per indicare chi cambia continuamente posizione per cercare di conquistare il centro, come sta facendo il suo rivale alle elezioni del sei novembre Mitt Romney.

''Ora che siamo a 18 giorni dalle elezioni Mister seriamente conservatore vuole che voi pensiate che stava seriamente scherzando su tutto quello che aveva detto l'anno scorso'', ha affermato ironico più che mai Obama in un discorso in Virginia, di fronte a diecimila suoi sostenitori.

''Sta dimenticando quelle che erano le sue posizioni e non dubita che voi farete altrettanto. Cambia così tanto, puntualizza e fa così tanta marcia indietro, che dobbiamo, sì dobbiamo dare un nome a questa sua patologia, penso che possiamo definirla Romnesia'', ha quindi affermato il presidente, in un discorso dedicato totalmente ad attaccare l'avversario e non al suo programma politico. ''L'America non ha bisogno di una commedia a puntate, ma di un piano serio per far guarire l'economia'', ha commentato secco il consigliere di Romney Danny Diaz.

I candidati alla Casa Bianca si sono chiusi questo weekend in ritiro in vista dell'ultimo, decisivo, dibattito televisivo di lunedì a Boca Raton. E se Mitt Romney ha scelto di arrivare già nel weekend in Florida insieme al suo staff di consiglieri e 'preparatori', il presidente invece ha preferito recarsi a Camp David, il ritiro presidenziale tra le montagne del Maryland, famoso per gli storici summit internazionali che ha ospitato.

E la location appare quanto mai azzeccata, visto che questo ultimo dibattito sarà, secondo il programma, concentrato principalmente sulle questione di politica estera. Intanto, Obama ha mandato in avanscoperta Joe Biden in Florida, oggi a un comizio a St. Agustine, città della costa Atlantica, mentre oggi Paul Ryan - che ieri ha partecipato con Romney ad un rally a Daytona Beach, in Florida - fa tappa in Pennsylvania, altro stato chiave.

Il dibattito di lunedì sarà moderato dall'anchor della Cbs Bob Schieffer, ed avrà - a differenza di quello della settimana scorsa a Long Island - il formato classico dei due candidati fermi ad un leggio e risponderanno alle domande del moderatore che ha indicato una lista di cinque 'aree calde', con naturalmente il Medio Oriente e il terrorismo che faranno la parte del leone.

(Adnkronos/Washington Post/Ign)

 

Commenta questo articolo


"''Sta dimenticando quelle che erano le sue posizioni e non dubita che voi farete altrettanto. Cambia così tanto, puntualizza e fa così tanta marcia indietro, che dobbiamo, sì dobbiamo dare un nome a questa sua patologia, penso che possiamo definirla Romnesia'' Ma non è Romnesia è BERLUSCONITE!!!!

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×