22/02/2017coperto

23/02/2017pioviggine

24/02/2017pioggia debole

22 febbraio 2017

Obama si commuove ringraziando Michelle: "Con te la Casa Bianca è di tutti"

"Michelle, da 25 anni non solo sei mia moglie e la madre delle mie figlie, se la mia migliore amica". Così Barack Obama, senza nascondere la commozione, ha salutato e ringraziato sua moglie Michelle, durante il suo discorso d'addio la notte scorsa a Chicago. "Hai assunto un ruolo che non avevi cercato e lo hai fatto tuo con grazia, grinta, stile ed ironia: tu hai reso la Casa Bianca un luogo che appartiene a tutti", ha detto ancora Obama mentre il pubblico ha tributato una lunga standing ovation alla first lady.

Obama ha salutato poi la figlia maggiore, Malia, che era seduta accanto alla madre, lodandola per essere diventata, insieme alla sorella Sasha, una giovane donna "straordinaria" e per aver "sopportato così facilmente il peso di questi anni sotto i riflettori".

Il presidente uscente ha voluto poi ringraziare il vice presidente Joe Biden: "tu sei stata la mia prima scelta da candidato e la migliore, non solo perché sei stato un grande vice presidente ma perché ho fatto un affare, ho guadagnato un fratello".

Infine, Obama si è rivolto ai suoi sostenitori, "voi mi avete reso migliore". Ed ha concluso con un messaggio di ottimismo e speranza per la nascita di una nuova generazione politica: "la generazione che viene, altruista, creativa, patriottica, io la vedo in ogni angolo del Paese - ha detto - voi credere in un'America giusta, inclusiva, sapete che il cambiamento costante è la caratteristica dell'America, qualcosa che non si deve temere ma abbracciare".

 



Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×