27/05/2019pioggia debole

28/05/2019pioggia debole

29/05/2019pioggia

27 maggio 2019

Obiettivi, scopi e desideri

Categoria: Altro - Tags: Natale

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti | (1)

A dire il vero, ci sono parole, temi, circostanze che non richiederebbero - per loro natura - l'amplificazione.

Nemmeno quella (contratta) di un blog, come il mio.

Ma il bello di alcune parole, di alcuni temi, di alcune circostanze è la condivisione. E quindi.

Quindi amplifichiamo, o meglio: condividiamo.

Oggi a pranzo abbiamo divorato (lontano dagli occhi arrossati di James) gli ossibuchi alla milanese che mia mamma Margherita cucina in modo sublime. Mia mamma ha vissuto infanzia e giovinezza a Milano e tre cose culinarie le sono rimaste nel cuore-del-ricettario dopo aver lasciato la capitale lombarda per trasferirsi, per amore, a Vittorio Veneto: gli ossobuchi, il risotto allo zafferano e le cotolette. Il risotto ce l'ha propinato (senza successo) per un ventennio, poi si è arresa. Le cotolette sono state la farcitura prelibata del mio panino finché ho deciso che erano decisamente troppo caloriche. Gli ossibuchi, con tutto quel corollario di scorzetta di limone e di acciughe, sono stati eletti a pranzo-della-domenica.

Dunque oggi, a pranzo-ossobuco. abbiamo dissertato di scopi, obiettivi e desideri intimi. Eravamo in tre a parlarci addosso ed eravamo in disaccordo.

Per me i desideri che si coltivano, nel cuore, fin dall'adolescenza non rappresentano per forza obiettivi, o scopi. Sono paletti fulgenti da superare nella corsetta-a-ostacoli della vita. Emozioni (concrete) che danno valore all'esistenza, ma che raggiungi (e superi) senza strategie e sforzi particolari.

Gli altri dicevano che desideri e obiettivi sono sinonimi. Che sono mete da conquistare. E che quindi hanno poco a che vedere con l'intimità, perché si traducono in atti esteriori. Dicevano che i desideri, in fondo, sono obiettivi. E gli obiettivi coinvolgono per forza gli altri. Il resto del mondo.

Insomma: la discussione - oltre l'osso smangiucchiato - era abbastanza teorica. E - tanto per restare in tema - priva di uno scopo definito. Era una questione meramente dialettica.

Ma a me è piaciuta quanto la pietanza di un convivio ben apparecchiato. Tanto che mi sto tuttora chiedendo se vi sia una differenza, o distanza, tra un ossobuco alla milanese e uno alla romana, oppure tra un desiderio, un obiettivo, uno scopo.

Sotto Natale (ma non ditelo a Renzi che se no ci fa un hashtag) per fortuna succede anche questo.



Commenta questo articolo


Innanzi tutto BUON NATALE A TUTTI ma in particolare a te e alla tua famiglia.
Ora permettimi:

DESIDERI E OBBIETTIVI

Non sempre i desideri sono obbiettivi
e non sempre gli obbiettivi sono desideri
ma se si desidera, convinti, un obbiettivo
si può obbiettivamente ben desiderarlo.

La polpa del buco dell'ossobuco, pertanto,
l'é al bocón del prete obbiettivamente
e si può desiderarlo non solo con la mente
da fregarlo dal piat di chi ti sta accanto.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×