16/10/2018nuvoloso

17/10/2018pioviggine

18/10/2018parz nuvoloso

16 ottobre 2018

Oderzo Motta

Oderzo, nuovo futuro per la stazione

Siglato un accordo tra le Ferrovie e la Pallamano Oderzo per nuovi progetti di ristrutturazione e utilizzo degli spazi

commenti |

stazione Oderzo

ODERZO - Stazione di Oderzo a nuova vita? L’Associazione Pallamano Oderzo ha infatti siglato un accordo con RFI (Rete Ferroviaria Italiana) per avere in comodato d’uso il fabbricato viaggiatori della stazione ferroviaria di Oderzo (nella foto).

Si conclude così un iter iniziato a ottobre 2015, fitto di incontri con la direzione territoriale di Mestre per l’approvazione dei progetti di ristrutturazione e soprattutto di utilizzo futuro.

In una nota, l'associazone opitergina commenta: "Il progetto che RFI ha giudicato meritorio dell’affidamento dello stabile si propone di ridare vita a un luogo degradato e insicuro, in una zona tradizionalmente “Porta della Città” e oggi semiabbandonata, dopo oltre cinquant’anni di chiusura della Stazione a causa della grande alluvione del 1966 e in seguito a mancate scelte urbanistiche che hanno reso l’intera zona priva dell’interesse che aveva un tempo.

La proposta di Pallamano Oderzo intende fornire ai viaggiatori servizi oggi inesistenti, strumenti e soluzioni di mobilità sostenibile, spazi di aggregazione, come di attivare iniziative di interesse sociale.

È nostra intenzione iniziare al più presto un confronto con l’Amministrazione comunale, le Associazioni del territorio e quanti vorranno fornire spunti e supporto".

Nei prossimi giorni sarà attiva la pagina Facebook “Oderzo Centrale” dove ogni cittadino potrà trovare informazioni, aggiornamenti e, se lo desidera, fornire il proprio contributo.
 

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×