22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017sereno

22 ottobre 2017

Conegliano

Omicidio di Irina Bacal, il figlio era di Mihail

Arrivata la conferma dal test del dna

commenti |

CONEGLIANO - Mancava la conferma ufficiale, che è arrivata ieri con i risultati del test del dna giunti in Procura a Treviso. La creatura che Irina Bacal, la 20enne uccisa dall’ex fidanzato Mihail Savciuc, recava in grembo era proprio figlia dell’omicida.

 

Un maschietto di 8 etti: Irina era incinta di circa 6 mesi. Ieri è arrivata anche la notizia in base alla quale la borsa della ragazza è stata trovata nel Monticano. Intanto gli investigatori stanno cercando di recuperare i dati del cellulare di Irina, mentre si attendono i risultati degli esami sulle macchie di sangue trovare nell’auto di Savciuc.

 

Ulteriori elementi verranno invece forniti dagli abiti dell’omicida, che erano stati fatti prelevare sempre dalla Procura.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×