21/11/2018variabile

22/11/2018nuvoloso

23/11/2018possibili piovaschi

21 novembre 2018

Esteri

Omicidio Khashoggi, ecco la squadra dei killer

commenti |

Il vice capo dell'intelligence dell'Arabia Saudita, il generale Ahmed Al-Asiri, è il capo espiatorio del caso Khashoggi, la vittima scarificale individuata dal principe ereditario Mohammed bin Salman per rispondere alle crescenti pressioni internazionali circa l'omicidio del giornalista all'interno del consolato di Riad a Istanbul il 2 ottobre scorso.

 

Ma dietro la morte del giornalista ci sarebbe un commando di 15 persone di cui, si legge sul Washington Post, si conoscono nomi, cognomi, volti, incarichi e spostamenti. Oltre ad Ahmed Al-Asiri è stato sollevato dall'incarico anche Saud al-Qahtani, membro della Guardia reale e consigliere di Mbs, acronimo con cui l'ambizioso principe saudita è noto in Occidente. Inoltre sono 18 gli uomini arrestati dalle autorità saudite in merito al caso.

 

Provvedimenti che seguono l'ammissione di Riad che l'editorialista del Washington Post è morto proprio all'interno della missione diplomatica a Istanbul. Finora le autorità saudite, compreso lo stesso Mohammed bin Salman, avevano detto che Khashoggi aveva lasciato il consolato dopo esservi entrato per ottenere documenti utili al suo prossimo matrimonio.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×