22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Mogliano

Operaio morto a Dosson, capannone sotto sequestro

La procura ha disposto un'inchiesta per omicidio colposo dopo il tragico incidente sul lavoro in un capannone di via delle Industrie

commenti |

Shala Shukri

CASIER - Operaio morto a Dosson, la Procura di Treviso ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo.

L’episodio risale a mercoledì: il 34enne kosovaro Shukri Shala (nel riquadro), padre di due figli, è morto in seguito a una rovinosa caduta dal tetto di un capannone durante i lavori di manutenzione.

Disposto il sequestro dell’area per ricostruire la dinamica dell’incidente. Nel frattempo la Procura ha concesso il nulla osta per il rito funebre: non ci sarà alcuna autopsia.

Secondo una primissima e non riconfermata ricostruzione, pare che il 34enne sia caduto poiché si è spezzato il vetro su cui si trovava.

L’incidente, all’altezza del civico 121 di via delle Industrie a Dosson di Casier, sarebbe avvenuto verso le 13.30: il volo di sei metri ha avuto come conseguenza la morte sul colpo dell’operaio, che la lavorava per la ditta edile Cinquerrui Salvatore di Casier.

Stava lavorando sul tetto dello stabile in affitto adibito a deposito di un’azienda di distributori automatici. Continuano le indagini Carabinieri e Spisal

 

Leggi altre notizie di Mogliano

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×