12 novembre 2019

OPPORTUNITA'

Categoria: Notizie e politica - Tags: Politici, Pubblica amministrazione, Tengo famiglia.

immagine dell'autore

Carlo Piasentin | commenti |

OPPORTUNITA’

L’altro giorno si parlava, fa amici, della macanza di opportunità, da parte della maggior parte dei politici di ogni colore e tendenza, nel piazzare i loro familiari in posti di pubblica amministrazione, per lo più dirigenziali.
C’è chi diceva che avendo titoli e requisiti non trovava inopportuno che una moglie o marito, sorella o fratello, figlio o figlia fossero assunti nella P.A..

Subito c’era chi contestava che non fossero assunti per concorso, come tutti, e non perché parenti.
Un altro diceva che sì va bene il concorso ma bisogna vedere che i giudicanti non siano amici o amici degli amici. Comunque la conclusione fu che … siamo in Italia.

Si predica bene e si razzola male. Quando un politico arriva ad un certo traguardo si dimentica dei buoni propositi e la Opportunità è morta e sepolta. E quando succedono certe cose ormai, con rassegnazione, se dis:

Gnent de nóvo sóto ‘l sol

Un siór e ànca quéi del so partito
i critichéa chi che no véa dirito
de deventàr presidenti o diretori
senza vér títo.i, mèriti o va.óri.

Dopo che diverso tenp a l’é passà
de un paese sindaco a l’é deventà
e subito dopo de ‘n istituto, al par,
de ‘n diretór al se ha voést desfàr.

Zèrti ghe ha parést giust, in verità,
ma i se ha ànca pi che meravejà
parché in te sta caréga che i dis bèa
a l’ha piazà subito dopo so sorè.a.

“Facente funzioni”, l’é da specificàr,
come dir che se ‘a pol ànca canbiàr,
ma savén bèn che in te sta nazión
la caréga data no assicura rimozión.

Cussí des la zènt la ha ànca paura
che síe l’inizio de sóita aventura
e che nonostànte parò.e e intènti
i partiti i pénse prima ai so patènti.



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×