25/05/2019parz nuvoloso

26/05/2019variabile

27/05/2019pioggia

25 maggio 2019

Cronaca

Ore critiche

commenti |

Oggi un ciclone condizionerà pesantemente lo scenario meteo su molte regioni. Ci attendono infatti 24 ore critiche all'insegna del maltempo. Si tratterà di una vera e propria bomba meteorologica, avverte il team del sito www.iLMeteo.it, e questo giorno sarà il peggiore raggiungendo il clou di intense piogge, rovesci temporaleschi, grandine e il rischio di qualche nubifragio. Avremo anche il ritorno di tanta neve sui monti.

 

Oggi sarà la giornata peggiore in quanto, dal maltempo, si salveranno probabilmente solo il medio e basso Adriatico, la Basilicata, il nord della Calabria. Altrove insisteranno pesanti piogge, temporali con locali grandinate specie sui versanti tirrenici centrali. Particolare attenzione a tutti i settori alpini e prealpini dove i quantitativi di pioggia potrebbero risultare eccezionali. Attenzione poi a Toscana e Lazio dove sono attese forti precipitazioni continue con nubifragi su gran parte delle province, come a Firenze, Grosseto e Roma. Tanta neve sulle Alpi, in particolare su quelle centro-orientali con accumuli localmente superiori ai 150 cm sopra i 1500-1600 metri.

 

Forti venti di Scirocco soffieranno con raffiche fino a 100 km/h su tutto il mare Adriatico, il Libeccio soffierà impetuoso sul mar Ligure e l'Ostro infurierà sul Tirreno; i mari di conseguenza risulteranno molto mossi o localmente agitati. In serata possibili nubifragi nelle zone ioniche calabresi a causa di un secondo vortice che si formerà sul canale di Sicilia.

 

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it, comunica che venerdì la perturbazione abbandonerà l’Italia settentrionale con ultime piogge sui rilievi del Triveneto, mentre l’instabilità continuerà ad interessare le regioni meridionali. In anteprima il direttore Sanò annuncia per il weekend l’arrivo di altre piogge collegate a una nuova perturbazione che investirà gradualmente tutte le regioni tra sabato e domenica.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×