20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

22/07/2018possibile temporale

20 luglio 2018

Oderzo Motta

In ospedale da fine luglio, muore per i postumi dello shock anafilattico

Addio al 43enne Filippo Speretta. Residente a La Salute di Livenza, era operaio a Cessalto

commenti |

ospedale San Donà

CESSALTO – Addio a Filippo Speretta, 43enne di la Salute di Livenza, operaio a Cessalto, colpito da shock anafilattico per la puntura di un’ape.

Punto lo scorso 27 luglio, l’uomo è deceduto l’altra notte in ospedale di San Donà di Piave.

 Padre di un bambino, era sposato con Mara titolare di una pizzeria al taglio a San Giorgio di Livenza. L’uomo è stato punto da un’ape nella casa del padre a La Salute per aiutarlo a spostare un’asciugatrice.

Ha accusato all’improvviso ha sentito un dolore fortissimo. A causa di un gonfiore preoccupante, il padre lo ha portato in ospedale a Portogruaro dove è arrivato in arresto cardiaco.

Poi il trasferimento a San Donà, dove è deceduto.

Lascia la moglie, il figlio, i genitori e la sorella. Giovedì alle 15,30 il funerale nella chiesa di La Salute.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×