22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017sereno

22 ottobre 2017

Castelfranco

Ospedale San Giacomo, ottocento anni di storia: via alla mostra

Sabato 14 ottobre l’inaugurazione presso sala convegni Ospedale di Castelfranco

commenti |

CASTELFRANCO - Ospedale San Giacomo Apostolo: ottocento anni di storia. Questo il titolo della mostra voluta dall’Ulss 2 Marca trevigiana, con il patrocinio di Regione del Veneto, Provincia di Treviso e Comune di Castelfranco Veneto, che sarà inaugurata sabato 14 ottobre, alle ore 11,30, presso la sala convegni dell’ospedale di Castelfranco Veneto. Ieri si è svolta la conferenza stampa di presentazione alla presenza del direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi, del presidente della Conferenza dei sindaci del distretto di Asolo, Annalisa Rampin e del vicesindaco di Castelfranco Veneto, Gianfranco Giovine. Presenti anche il curatore della mostra, lo storico Giacinto Cecchetto e il responsabile dell’allestimento e della comunicazione integrata Alessandro Fraccaro.

 

La mostra si sviluppa su 100 metri lineari, lungo il corridoio di collegamento dal Cup castellano alla Chiesa, con 200 immagini e numerosissime didascalie informative. “Oggi è una giornata speciale perché la mostra che presentiamo è davvero straordinaria per i contenuti che avremmo l’occasione di conoscere – sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi – Una mostra che racconta la storia e la cultura dell’evoluzione dell’accoglienza e dell’assistenza di un luogo destinato a rimanere una eccellenza di sistema a livello regionale”.

 

Il curatore della mostra ha distillato una ricerca che si stima abbia visto aprire circa 70 mila files di documenti e immagini: "Migliaia di documenti d’archivio, pergamene, mappe e foto storiche, frutto di quasi due anni di ricerche, raccontano in sequenza cronologica le fasi più significative degli ottocento anni di storia dell’Ospedale di S. Giacomo Apostolo di Castelfranco Veneto, dalla sua istituzione avvenuta il 23 marzo 1217 sino ad oggi – aggiunge Giacinto Cecchetto - In questo plurisecolare tragitto l’Ospedale ha conosciuto travolgimenti istituzionali, guerre rovinose, turbolente congiunture sociali ed economiche, devastanti epidemie; un viaggio che sino ad oggi mai è stato ricostruito in tutte le sue tappe; un viaggio che ha avuto come guida sicura per cinque secoli, dall’inizio del secolo XIV sino al 1807, anno della soppressione della Confraternita e dell’istituzione della Congregazione di Carità, generazioni di cittadini castellani associati nella Confraternita dei Battuti di S. Maria e S. Giacomo dell’Ospedale e impegnati nell’azione di carità cristiana e solidarietà umana a sostegno e conforto di poveri, malati e pellegrini; un viaggio e una storia per immagini e parole che vuole consegnare alle comunità di Castelfranco e della Castellana la memoria di una tradizione e di un impegno solidaristici che ancora oggi caratterizzano la fitta rete delle associazioni di volontariato operanti nel nostro territorio."

 

Per Alessandro Fraccaro dello studio di comunicazione che ha seguito la mostra è stata una sfida avvincente: “Creare un'esposizione museale all’interno di un Ospedale è un progetto che non capita tutti i giorni. Dedichiamo questo viaggio nel tempo a tutte le persone che hanno percorso gli stessi spazi provando gioia o sofferenza, e a tutto il personale che vive questo luogo quotidianamente. Crediamo che molti Castellani saranno felici di poter ricordare questo importante anniversario, celebrando l’importanza dell’Ospedale cittadino e delle tante persone che hanno reso possibile questa storia lunga addirittura 800 anni.” 

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×