21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

23/11/2017variabile

21 novembre 2017

Politica

Ostia va al ballottaggio

commenti |

E' ballottaggio tra M5s e centrodestra a Ostia, per la sfida alla presidenza del X Municipio della Capitale. La candidata grillina Giuliana Di Pillo, a scrutinio ultimato, si è fermata al 30,21% non riuscendo a spuntare l'elezione al primo turno. A contenderle la poltrona da minisindaco ci sarà Monica Picca, sostenuta dal centrodestra unito, che ha spuntato il 26,68%.

I cittadini del municipio X di Roma torneranno quindi alla urne domenica 19 novembre, dalle ore 7 alle ore 23, per il ballottaggio alle elezioni municipali.

Terzo Athos De Luca (Pd), con il 13,69%, seguito da Luca Marsella, il candidato di Casapound, che raggiunge un risultato record: 9,12%. Il prete don Franco De Donno, candidato di Laboratorio Civico X sostenuto (senza simboli) da parte della Sinistra, arriva all'8,42%, mentre il civico Andrea Bozzi prende il 5,51%, Eugenio Bellomo (Sinistra unita per Bellomo presidente) si ferma al 3,66%, Giovanni Fiori del Popolo della Famiglia prende l'1,33% e Marco Lombardi (Lista civica Noi del X Municipio) l'1,30%.

Il candidato del Pd De Luca, in vista del ballottaggio, ha annunciato: "Noi daremo libertà di voto agli elettori che ci hanno votato".

Soddisfatto del risultato il vicepresidente di Casapound Italia Simone Di Stefano che commenta: ''A Ostia abbiamo ottenuto una vittoria senza precedenti che ci proietta diritti in Parlamento''. Affluenza ai minimi: alle 23 aveva votato solo il 36,15 degli aventi diritto, praticamente un elettore su tre.

La sindaca di Roma Virginia Raggi non passa quindi il test di 'mid term'. A 17 mesi dalla tornata elettorale delle Comunali a Roma, quando gli abitanti del X Municipio premiarono Raggi con il 43,6% dei voti al primo turno (che diventò 76% al ballottaggio), il litorale romano non riconferma i consensi che regalò al M5S: la candidata Giuliana Di Pillo, già delegata alle politiche del litorale della sindaca, deve accontentarsi di un 30,21% con la lista dei grillini al 30,33% quando mancano ancora i dati di una sezione. Un risultato che si rivela una quasi-bocciatura per la sindaca di Roma se si considera che le elezioni del X Municipio, che conta oltre 230mila abitanti, erano viste come un primo banco di prova del primo anno e mezzo di governo a 5 stelle.

Ora il M5S si trova a dover affrontare un ballottaggio in un territorio che solo poco più di un anno fa si era rivelato uno straordinario 'serbatoio' di consensi per i grillini. Una sfida che si preannuncia tutta in salita: il movimento deve fare i conti da un lato con l'astensionismo record (ha votato un elettore su tre), dall'altro con un centrodestra unito su Monica Picca, che ha raccolto il 26,68% dei consensi. E c'è anche lo straordinario risultato ottenuto da Casapound, il movimento di estrema destra che con Luca Marsella a Ostia ha superato il 9% e un eventuale apparentamento (per il momento escluso da Cpi) potrebbe rivelarsi un boomerang per i grillini, che rischierebbero di perdere la guida di un altro Municipio di Roma, dopo la debacle nell'VIII sciolto dopo le dimissioni di Paolo Pace.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×