22/06/2017sereno

23/06/2017sereno con veli

24/06/2017sereno

22 giugno 2017

Montebelluna

Papà di due figli si uccide a 34 anni

L’ha fatta finita nel bagno di casa di un amico. Forse ha contribuito il gioco

commenti |

MONTEBELLUNAUn 34enne di Montebelluna, padre di due figli, ha deciso di farla finita impiccandosi nel bagno dell’abitazione di un amico. Il rinvenimento del corpo senza vita è avvenuto ieri in tarda mattinata.

Il 34enne, dopo che aveva passato la serata insieme a degli amici, si era fermato a casa di uno di loro, in via Ospedale a Montebelluna. Era già capitato altre volte che decidesse di fermarsi a dormire a casa di amici, per questo a casa sua, la moglie, non vedendolo, non si era preoccupata.

 

Dopo che erano arrivati a casa, l’amico era andato subito a letto addormentandosi, mentre il 34enne era andato in bagno. Ed è qui che ha messo in atto il suo piano. Si è stretto la cordicella di una felpa al collo, si è attaccato ad una finestra e si è lasciato cadere, fino a morire per soffocamento.

Solo la mattina l’amico si è reso conto che era ancora in bagno. Ha tentato di aprire la porta, ma era chiusa, ha tentato ripetutamente di chiamarlo, ma non dava alcuna risposta: per questo ha deciso si chiamare i vigili del fuoco. Giunti sul posto i pompieri hanno forzato la porta del bagno, trovando l’uomo senza vita. La morte, stando ai riscontri effettuati, era sopraggiunta nelle ore precedenti.

 

Il 34enne evidentemente viveva un momento di profonda crisi interiore, anche se nessuno aveva immaginato che potesse giungere a suicidarsi. I carabinieri sono giunti sul posto poco dopo, riscontrando che effettivamente si trattava di suicidio. Sembra che l’uomo avesse avuto dei problemi di gioco che potrebbero aver pesato nella sua tragica decisione.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×