24/11/2017parz nuvoloso

25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

24 novembre 2017

Conegliano

Il parroco di Gaiarine ha seguito le indicazioni di Papa Francesco

Solidarietà del vescovo al parroco. "Nessuna speculazione economica"

commenti |

GAIARINE - Il vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziolo, esprime piena solidarietà al parroco di Gaiarine don Pietro Salvador che si è adopeato per trovare ospitalità ad alcuni giovani richiedenti asilo. Un imprenditore della zona si è fortemente opposto all'azione del parroco minacciando anche azioni di opposizione e paragonando il sacerdote agli uomini dell'Isis. Il Vescovo chiarisce la sua posizione attraverso il seguente comunicato.

«Un gruppo di persone delle parrocchie e delle comunità civili di Gaiarine e Francenigo si è sentito sollecitato dalle precise indicazioni di Papa Francesco circa il tema dell’accoglienza. Da tempo questo gruppo si è messo alla ricerca di possibili risposte alla problematica legata ai richiedenti asilo e a quanti vedono successivamente accolta la loro richiesta.

Dopo un anno e mezzo di cammino di preparazione, sostenuto anche dalla Caritas diocesana, grazie ad un membro di questo gruppo è stata finalmente trovata a Francenigo un’abitazione adatta allo scopo. Il gruppo promotore si è impegnato a garantire per coloro che saranno accolti l'apprendimento della lingua italiana e – in base alle possibilità stabilite dalle legge – lo svolgimento di lavori socialmente utili.

Tuttavia, ad oggi non vi è ancora nulla di concretamente attuato: i tempi per far partire il progetto potrebbero essere ancora lunghi.

Ben diversamente dalle notizie diffuse in questi giorni, quella prevista a Francenigo è una presenza di richiedenti asilo numericamente molto ridotta (non superiore alle 3 o 6 unità), secondo la scelta di una presenza diffusa nel territorio come auspicato a livello governativo.

Riguardo all’accusa rivolta alla parrocchia di Francenigo di compiere una speculazione economica sulla pelle dei richiedenti asilo, si precisa che si tratta di un’affermazione gratuita e destituita di ogni fondamento».

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dossier

Dello stesso argomento

immagine della news

22/11/2017

A Vittorio Veneto si dorme per strada

Il Comune non vuol saperne di creare un dormitorio. Eppure in città aumentano i ‘senza tetto’ e ‘senza patria’: rifugiati senza un ricovero

immagine della news

14/11/2017

C'è chi dorme per strada

A Vittorio Veneto aumentano i "senza tetto" e i "senza patria". Ma il comune non crea un dormitorio

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×