21/10/2018pioggia debole

22/10/2018sereno

23/10/2018sereno con veli

21 ottobre 2018

Mogliano

Patto di amicizia tra Mogliano e Fratta Polesine. Nel nome dell'arte

Sottoscritto dalle due amministrazioni, prevede impegno comune per lo sviluppo di cultura, economia e turismo delle due comunità

commenti |

Mogliano ritratta da  Giovecchi

MOGLIANO - Piero Giovecchi, pittore del Novecento figurativo veneziano, unisce le comunità dei comuni di Fratta Polesine, dove nacque, e Mogliano Veneto, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita e della quale ha immortalato molti scorsi nei suoi dipinti.

In occasione dell’inaugurazione di una mostra a lui dedicata nel paese natale per rendere omaggio all’artista polesano, infatti, le amministrazioni dei due comuni hanno sottoscritto un patto di amicizia.

L’obiettivo comune è creare un vincolo permanente di fraternità e cooperazione solidale tra i due comuni che hanno nell’artista un bene comune da tutelare e valorizzare.

L’amicizia si svilupperà in molteplici direzioni e si concretizzerà in eventi ed incontri tra la popolazione dei due territori, a partire dalla cultura al turismo alla gestione amministrativa degli stessi comuni.

Educazione, formazione, cooperazione scientifica, ambente e agricoltura, saranno i settori sui quali le due comunità scambieranno informazioni e progetti.

Piero Giovecchi ha ritratto dal vivo gli effetti paesaggistici più rappresentativi della storia e della cultura veneta. La sua emergente personalità si estrinseca nelle opere dalle quali spicca la sua profonda spiritualità; la sua concezione d’insieme si snoda secondo una visione personale ed autonoma, con un cromatismo caratteristico che rimanda alla tradizione Veneta.
 

 

Leggi altre notizie di Mogliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Mogliano
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×