19/10/2017tempo nebbioso

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

19 ottobre 2017

Treviso

Il PD chiede a Zaia il ripristino della vaccinazione obbligatoria

| commenti |

| commenti |

TREVISO- Il Partito Democratico della città di Treviso ha preparato un ordine del giorno da presentare in consiglio comunale nel quale chiede che l’amministrazione prenda posizione ufficialmente sul tema dei vaccini e sull’abrogazione della legge regionale del 2007 che ha eliminato l’obbligatorietà di questo strumento di prevenzione. La richiesta è stata firmata all’unanimità da tutti i consiglieri democratici.

 

«Riteniamo che l’impegno a tutela della salute pubblica sul tema delle vaccinazioni sia urgente» - spiega il segretario Andrea Michielan. «Purtroppo leggiamo ogni giorno di patologie che sembravano debellate e invece tornano con prepotenza a colpire. La cosa più odiosa è che a farne le spese sono i soggetti che maggiormente andrebbero tutelati, cioè i minori»

«Come Partito Democratico ci schieriamo a sostegno dell’Ordine dei Medici» - prosegue il segretario cittadino «e di tutte le forze che porteranno avanti questa battaglia con campagne di sensibilizzazione o richieste di interventi legislativi. Chiediamo alla giunta Manido di essere parte attiva nei processi di prevenzione e di mandare un messaggio forte e chiaro alla Regione Veneto: ripristinate urgentemente l’obbligo vaccinale».

In mattinata la Giunta Regionale ha reso noto di non essere intenzionata a ripristinare l’obbligo vaccinale, preferendo investire i sindaci di una responsabilità sul controllo della copertura delle vaccinazioni.

«A quanto si legge dalle prime dichiarazioni» - sostiene il consigliere comunale Nicolò Rocco - «si prospetta una soluzione in assoluta controtendenza con la riforma della Sanità veneta, che ha centralizzato nell’Azienda Zero le politiche sanitarie, indebolendo di fatto conferenze dei sindaci e quindi primi cittadini. Ora si chiede ai sindaci di intervenire in un campo che dovrebbe essere uguale in tutta Italia e invece cambierà da municipio a municipio? Siamo al capovolgimento di un principio logico: curare è meglio che prevenire? Mi sembra un pasticcio» «La Regione ammetta che la scelta del 2007 non è stata felice o che magari nel frattempo sono cambiate le condizioni sociali e culturali. Chiediamo l’immediato ripristino dell’obbligatorietà vaccinale» conclude Rocco.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×