25/09/2017parz nuvoloso

26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Il PD dalla parte delle Banche

Categoria: Notizie e politica -

immagine dell'autore

Francesca Salvador | commenti | (15)

 

Gli eurodeputati italiani del PD, assieme agli altri, salvano Junker dalle dimissioni e gli assicurano il mantenimento della poltrona della presidenza

 

di Luciano Lago  25 novembre 2014

 

Il presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker è stato oggetto di una mozione di censura presentata dall’eurodeputato Marco Zanni, del movimento 5 Stelle, mozione sostenuta anche dal Front National e dalla Lega, dal gruppo di Nigel Farage e da altri gruppi euroscettici presenti nel Parlamanto di Strasburgo.

 

Secondo le accuse lanciate da “Lux Leaks”, nel corso del suo lungo mandato come presidente del Lussemburgo, risulta che lo Junker avrebbe concesso accordi fiscali di favore a più di 300 fra grandi multinazionali e banche con cui aveva trattato in prima persona. In questo modo Il piccolo stato tra Francia e Germania si era trasformato in pochi anni in una piazza finanziaria di primo livello, una sorta di “paradiso fiscale” e luogo di affari riservati dove le grandi società e gruppi multinazionali stabilivano la sede della capogruppo ed arrivavano così a pagare soltanto l’1% circa di imposte , risparmiando fino a circa il 95% delle imposte dovute nei paesi d’origine.

 

Una forma di concorrenza sleale per avvantaggiare le casse dello stato lussemburghese a danno degli altri stati europei. Una questione che era nota da tempo ma recentemente è spuntato un dossier in cui sono stati rivelati tutti i nomi delle multinazionali coinvolte.

 

Zanni ha sferrato un duro attacco definendo Junker «l’immagine peggiore di questa Europa», «l’antitesi degli ideali europei», accusandolo di avere «sottratto miliardi ai partner europei» con accordi fiscali favorevoli alle multinazionali. Vedi: youtube.com/watch

 

Durissimi i toni della Marine Le Pen, leader del Front National la quale ha addirittura paragonato Junker ad Al Capone, dichiarando: «Pensare che Juncker possa affrontare e risolvere, come ha detto, i problemi del’evasione fiscale è credibile come mettere Al Capone a capo della commissione sicurezza ed etica. È il simbolo di un sistema che ha imposto l’austerità e la sofferenza economica, mentre il Lussemburgo non ha fatto pagare le tasse a 300 multinazionali privando l’Europa di risorse importanti».

 

LA REAZIONE DI JUNCKER. « Impassibile Juncker ha negato gli addebiti ed ha risposto: smettete di insultarmi», «è vero che ho la pelle spessa ma preferisco andare avanti con il mio lavoro».

 

E così ha fatto, annunciando per domani, mercoledì 26 novembre, il piano di investimenti da 300 miliardi di euro.

 

Il voto della mozione grillina è previsto per giovedì ma dalla sua parte Juncker avrebbe l’appoggio degli euro socialisti, incluso il numeroso gruppo degli eurodeputati italiani del PD, capeggiati da Pittella (il quale è intervenuto a difesa dello Juncker), oltre a quello della maggioranza degli europopolari del Ppe e degli euroliberali. Questa difesa ad oltranza dovrebbe essere sufficiente per sventare il pericolo di dimissioni di Juncker. Come sempre in queste situazioni si palesano le posizioni di chi difende le posizioni dei personaggi che sono da sempre proni agli interessi dei grandi gruppi industriali e finanziari.

 

Non potevamo dubitare che gli eurodeputati italiani del PD sarebbero stati decisamente dalla parte di Jean Claude Juncker, il fiduciario delle multinazionali e delle grandi banche. Niente di nuovo sotto il sole.

 

 

 

.

 



Commenta questo articolo


e la novità dov'è? :-))
Dal PD c'è da aspettarsi questo ed altro.

segnala commento inopportuno

"e la novità dov'è? :-))
Dal PD c'è da aspettarsi questo ed altro."

già, ma... mi ricordi le percentuali alle europee????

magari nel frattempo qualcuno si sarà svegliato ;-)

PS spero di postare quanto prima la conferenza di Lannes

segnala commento inopportuno

sei troppo ottimista!

segnala commento inopportuno

Uuna curiosità: voi gombloddisdi avete il conto corrente bancario? o tenete i schei nel materàss?

segnala commento inopportuno

Il PD dalla parte delle banche? Perché gli altri partiti con chi stanno? I conti milionari di Grillo e Casaleggio dove sono? E quanto ci speculano su quei soldi, oppure hanno chiesto un tasso di interesse zero? Magari nel frattempo qualcuno di M5S si è svegliato ;-) Grillo "è stanchino", uno-vale-uno, ma adesso hanno un direttorio napoleonico di 5. Fuga di gente onesta da M5S.

Non che io sia renziano... ben inteso... Ma adossare tutti mali a Renzi ne farebbe di lui una statura da statista che in realtà non ha.

Ed ora, per vivacizzare la perenne lite tra me e Michele, la seguente citazione: "Il Parlamento e i governi sono il comitato d'affari della borghesia" (V.I. Lenin).

Oggi qualcuno ha scoperto la Troika, come se prima i soldi scorressero nelle tasche dei diseredati.

Cara Francesca, o la tua critica conferenziera è oggettiva e a tutto campo, oppure stai tirando la volata a qualche partito.

Come direbbe Bersani: "Io figlio di operai, Grillo milionario".

E perché non parliamo del giro di 16 miliardi che produce la "cultura alternativa" o i gruppi di Yoga? Solo i farmaci sono un "giro d'affari"?

segnala commento inopportuno

Perenne lite, Mario? a me pare non ci sia neppure una nuance di lite tra noi. Troppo amanti della vita siamo per sprecare il nostro tempo litigando !

Appropriata ed attuale la citazione di Lenin. Vedesse ora che comitatoni d'affari ingrassano in Russia o in Cina...la sua mummia si liquefarrebbe dalla vergogna!

E perché non parlare, per prender due piccioni con una fava, del "prestito" milionario che una banca russa ha concesso al partito della Le Pen e che Salvini vorrebbe pure lui? i banchieri russi che finanziano le ultradestre antiNATO ed antiUE? mumble mumble...gatta ci cova...anzi orso russo ci cova...

segnala commento inopportuno

continui a votare PD.

segnala commento inopportuno

Non solo il il partito delle banche ma il partito divora le banche, vedi MPS. Questi sono fatti.
Naturalmente l'esperimento M5s non è stato capito ne sfruttato in italy e la gente che continua a seguire le tivù e i propagandistici tolc sciò, sui canali Rai e mediaset che sono da sempre schierati a presa comune contro il 5s, si smarrisce nelle sterili discussioni sul direttorio, sulle espulsioni, sullunovaleuno, sul reddito di Beppebrillo il tutto per fomentare l'unico esperimento politico che poteva dare una forza immensa ai cittadini.
Il problema vero è che un esperimento del genere nel nostro paese ha bisogno di un tempo lungo per crescere e ancor più lungo per veicolare la rabbia e farla diventare operativa.
Il tempo della cultura, l'italieno imbevuto di propaganda va ogni giorno più velocemente per sbarcare il lunario. Fatica a trovare tempo per studiare con la calma necessaria la situazione e capire come entrare e porvi rimedio.
A mio parere se l'italia sta andando in merda e continuerà ad andare in merda gran parte della VERA CAUSA si deve additare alla propaganda mass-mediatica e alla scarsa cultura generale necessaria per trattare temi di interesse pubblico, l'esempio sopra di Marangon ne è l'esempio-----> vedi quanti soldi ha beppebrillo!! e pensare che è uno che studia filosofia, ridicolo.

segnala commento inopportuno

Appunto, a causa della "scarsa cultura generale" come scrive il nostro Nobel Denisio, il Movimento 5 Stelle sta esplodendo, dopo aver dilapidato un enorme serbatoio di voti.

Comici allo sbaraglio. Comici, se non fosse una tragedia avere una classe politica così!

segnala commento inopportuno

Bastanzetti cultura non significa nozionismo, significa anche rispetto delle idee altrui e scambio di nozioni e dibattito basato sullo scambio di dati certi.

Un esempio:

Dato: 20 morti dopo assunzione vaccino
Risposta: non è accertata la correlazione tra morte e vaccino

tipica risposta ideologica.

Dato: numero significativo di morti attorno alle aziende che producono laterizi in amianto
Risposta: non è evidenziata alcuna correlazione tra le morti e l'amianto.

In questo modo si da la precedenza al lavoro perchè il lavoro DEVE venire prima del rispetto della salute e della vita umana, questo è contrario alla costituzione. Allora io pretendo che in questo paese di opportunisti ci sia un comico che denuncia queste cose perchè il fantoccio piazzato sullo scranno di turno ha altre cose da guardare e sono le cose che interessano alle sfere del reparto parassitario della finanza come anche questo post denuncia. Se il cittadino non ha capito il messaggio si dovrà illudere nel solito giochino del voto utile al partito che il sistema propone secondo lo schema ultraconsolidato PRS (problema,reazione,soluzione). Senza alcuna speranza per il concetto di democrazia. Parola di un mona.

segnala commento inopportuno

Qui non si tratta di un confronto tra idee. In Medicina, che pure non è propriamente una " scienza esatta" si ragiona sulla evidenza di dati scientifici. Ad oggi non è stata trovata alcuna correlazione causa-effetto tra questo vaccino ed i deceduti, in maggioranza persone molto anziane e gravemente debilitate. Lo stesso identico vaccino è usato in Gemrania Austria e Spagna e nessuna anomala reazione è stata segnalata. Ogni anno per influenza, muoiono in Italia 8000 persone.

Ci dica quali sono i dati scientifici in suo possesso, Sig. Denisio, per confutare le conclusioni (peraltro altri indagini sono in corso) del Ministero Salute

Circa l'aminato, se il uso riferimento è alla recente sentenza "eternit" per un minimo di onestà dovrebbe dire quali sono state le motivazioni della mancata condanna, motivazioni che nulla c'entrano con le evidenze scientifiche.

Lei è veramente superficiale nel giudicare uomini ed accadimenti!

segnala commento inopportuno

Grazie Denisio per il "ridicolo" :-) Non vedo, però, cosa ci sia di "filosofico" in Grillo e nel suo amico Giostraio: un comico e un fallito. Mi dia retta! Non è che l'esperimento non sia stato capito, ma piuttosto i 2 chimici hanno sbagliato e la provetta gli è esplosa in mano. Hanno avuto una valanga di voti, Cambiale in Bianco, cui però non hanno dato sbocco "politico", ma solo folklore.

segnala commento inopportuno

E suvvia Mario, lei mi appare sempre così serioso che ho voluto mettere in risalto quella volta in cui un suo contenuto mi ha fatto "sorridere".
Certo,mai alla pari dei commenti di coloro che scrivono che Beppebrillo è un omicida pregiudicato a causa di una disgrazia stradale, posso solo augurare loro che non capiti mai nulla di simile.
Il problema secondo me è che nessuno ha capito che l'unica facoltà per contrastare l'andazzo pluridecennale della politica ammazza italia (e non solo) che non smette mai di rigenerarsi è quello di costituire un largo Movimento popolare.
Lei punta l'attenzione sui voti: Bepebrillo più volte ha detto che non vuole i voti ma la partecipazione sul territorio.
L'esperimento non funziona prchè la gente continua a voler votare il leader e così facendo viene accontentata e avrà il suo leader maximo.
Ma Beppe e il suo compare Casadilegno per sfoltire ulteriormente i duri di comprendonio ha deciso di aprire un ventaglio nel cosidetto direttorio.
Ma nessuno capirà un'azione del genere e tutti continueranno ad indicare Beppebrillo e Casadilegno come i due leader alla solita maniera.
Non importa l'elettorato Italiano ammazzerà Beppebrillo e casadilegno e verra accontentato con quello che vuole, avrà finalmente dopo anni di finte pugnette e sotterfugi il suo leader maximo.
Altro che deriva autoritaria, dall'italia se ne andranno anche gli avvoltoi della finanza e rimarranno solo i parassiti a tirare le fila nonostante tutto ci sarà chi si premurera di andare a votare. Per amor di patria.

Avanti Savoia

segnala commento inopportuno

Il pd è sempre stato dalla parte delle banche: unipol, mps, intesa ecc. ecc.

Altrimenti come farebbero a far "girare" i soldi delle cooperative.

segnala commento inopportuno

sperando io di farmi capire.Questa è la notizia di oggi
“110 miliardi di nuovi flussi in 10 mesi nel risparmio gestito
Ancora i dati dell'industria del risparmio gestito dicono che la raccolta netta cioè il saldo attivo dei nuovi flussi di denaro investito è stato nei primi 10 mesi del 2014 di ben 110 miliardi. C'è capitale disponibile che non viene speso, non viene immesso nel circuito dell'economia reale, ma viene messo da parte, immobilizzato per mesi se non per anni. Produce, finché le borse e i bond salgono, un poderoso effetto ricchezza che si cumula. Ecco il paradosso”. Di piccoli e grandi risparmiatori
Poi abbiamo tanti piccoli risparmiatori lavoratori con depositi in banca. Tesaurizzano.
Glieli requisiamo tutti partendo s’intende e per essere non punitivi ma soddisfatti i ideologicamente da chi ha di più e poi cosa facciamo oggi non domani ?
Niente più risparmio niente più banche. Servono o non servono in una economia liberale ma anche comunista visto che esistono anche nel mondo musulmano pur diversamente operative dalle nostre ?
O il problema è che bisogna cambiare la cultura e i banchieri, ridividere le banche in ordinarie e di investimento?
E delle riserve auree, oggi e non domani, cosa facciamo ?
Più semplicemente basterebbe togliere alla politica poteri non suoi che permettono di invadere l’economia e assoggettarla . Ma qui non c’è solo il PD. Sapete dove è Capanna, penso lo riordiate, e altri ex di ogni genere e quanto prende al mese? La purezza non è di questo mondo dove chi non ha uno stipendio-slario non mangia. Il resto è palestra rispettabile, ma sono portato a credere, esercizio culturale.
Junker. La notizia è uscita da una inchiesta di alcuni giornalisti europei, meno male che non ci sono quelli e solo di cronaca, ma per condannare un uomo ci vogliono anche le prove altrimenti è la fine di una società.
Se gli hanno confermato la fiducia un motivo plausibile ci sarà (o il mondo è tutto falso?) E non sono del PD.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×