22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

22 settembre 2017

Montebelluna

Pedemontana, M5s: “Superstrada non completata già cade a pezzi”

Ad affermarlo sono i Consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle del Veneto

commenti |

CASTELFRANCO/MONTEBELLUNA - "La Superstrada Pedemontana Veneta non è ancora stata completata e già cade a pezzi: la situazione della Spv è l'immagine del concetto stesso di project financing e delle grandi opere".

Ad affermarlo, in una nota, sono i Consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle del Veneto in seguito alla notizia del crollo in un cantiere della Pedemontana avvenuto nei giorni scorsi.

 

"Cosa stanno facendo con i soldi dei veneti?" si chiedono gli esponenti del Movimento 5 Stelle. "Questa - proseguono - è un'opera sovradimensionata dal punto di vista delle spese e del territorio stesso, una serie infinita di gallerie, viadotti, trincee e opere accessorie che costano cifre altissime; e questi sono i risultati a cantieri ancora aperti".

 

"Intendiamo sottolineare in questo frangente - aggiungono - anche i rischi che avrebbero potuto correre i lavoratori nella zona interessata dal crollo; il Movimento 5 Stelle è da sempre contrario all'attuale progetto della Pedemontana: l'opera serviva e serve ancora ma non in questa forma. Il progetto deve essere adeguato alle esigenze del territorio sia dal punto di vista ambientale che da quello funzionale. Questa Pedemontana non darà servizi a imprese e cittadini, ma solamente debiti a tutti i veneti e disagi a chi vive nella zona interessata e a chi sarà costretto a utilizzarla".

 

"In realtà - concludono i Consiglieri pentastellati - quel che serve al territorio è un'opera improntata al pragmatismo. Questo è solo l'ennesimo project financing imperniato sulla 'grandeur', che si rivelerà una cambiale per i prossimi 40 anni per l'intera regione".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×