21 agosto 2019

Montebelluna

"A Pederobba una mortalità superiore alla media regionale? Da noi c'è un hospice per anziani, potrebbe spiegare quei numeri"

Il Comune risponde dal professor Roberto Fornasier sulla “questione cementificio”

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

PEDEROBBA – Il sindaco e l’assessore all’ambiente di Pederobba rispondono alle dichiarazioni del professor Roberto Fornasier che ha divulgato i dati del Servizio Epidemiologico Regionale Veneto sulla mortalità a Pederobba e nei comuni vicini, in relazione al monitoraggio ambientale fatto per rispondere alle incognite sui rischi alla salute dati dalla presenza del cementificio.

“Uno studio prodotto dal SER Veneto che evidenzierebbe alcuni dati sulla mortalità dovute a cause cardiocirlotaorie e neurodegenerative nei comuni della Pedemontana è stata l’occasione per un nuovo confronto tra Amministrazione e ambientalisti – si legge in una nota della municipalità -, iniziato con un lungo post sui del Prof. Fornasier che ha evidenziato come questi risultati anticipino di fatto lo studio epidemiologico, chiedendo all’amministrazione di chiedere rapidamente la sua conclusione”.

“Le pubblicazioni del SER il nostro servizio epidemiologico regionale, hanno un altissimo valore scientifico, svolte da professionisti estremamente competenti - scrive il sindaco Turato -. E’ per questo che spiace notare come il loro lavoro venga piegato all’occorrenza solamente per alimentare una sterile polemica basata sulla lettura incompleta di questa prima indagine le conclusioni del SER infatti, inequivocabili e reperibili pubblicamente, smentiscono chi non perde occasione per fomentare paure e allarmismi.”

“L’eccesso di mortalità relativo a malattie cardiocircolatorie e neurodegenerative nel nostro territorio potrebbe, spiegano i medici del SER – prosegue il sindaco -, essere spiegato dalla presenza sul territorio della struttura di hospice per anziani delle opere pie che concentra decine di ospiti provenienti anche da altri comuni e nell’ambito del quale il tasso di quelle patologie è più alto. Si tratta comunque di un’analisi preliminare cui seguiranno approfondimenti lo Studio epidemiologico appunto, che sta venendo condotto con grande scrupolo ed attenzione dalle nostre istituzioni sanitarie rappresenta un lavoro approfondito, voluto dalla mia Amministrazione per fare finalmente chiarezza. Il dialogo con l’Ulss e gli altri soggetti coinvolti è costante nell’interesse di concludere lo Studio nei tempi stabiliti e garantendo la certezza dei risultati.”

“Da anni oramai assistiamo alla rincorsa di una polemica sterile che non perde occasione per additare colpevoli ed alimentare una disinformazione sistematica – commenta l’assessore all’ambiente Maggio -. In assenza di dati certi e della fine dello studio epidemiologico non si possono trarre conclusioni che non siano ideologiche. L’Amministrazione di Pederobba ha da sempre operato con grande responsabilità in questa vicenda operando scelte importanti e affidandosi alle massime istituzioni sanitarie regionali ed alla loro indiscussa professionalità a garanzia della salute dei cittadini”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×