17/12/2018variabile

18/12/2018sereno

19/12/2018nuvoloso

17 dicembre 2018

Lavoro

Pensioni: Cida, troppa confusione nella politica e caos nei numeri.

AdnKronos | commenti |

Roma, 11 ott. (Labitalia) - “Se occorre grande prudenza nel proporre interventi legislativi volti a modificare il regime pensionistico, è indispensabile estrema chiarezza e precisione nell’indicarne gli effetti economici: il rischio è quello di determinare un caos di cifre ed una totale confusione fra i cittadini e gli addetti ai lavori”. Lo afferma Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, la confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, commentando gli ultimi sviluppi del dibattito sulla previdenza.

“Gli effetti di quota 100 sui conti pubblici, l’efficacia e la legittimità degli interventi sulle pensioni medio-alte, la possibile abolizione e/o mantenimento di recenti istituti previdenziali (Ape sociale, opzione donna), l’ipotesi di sganciamento dell’età di pensionamento dalle aspettative di vita: ogni giorno tutto viene messo in discussione e ogni giorno le stime dei costi o degli incassi sono differenti e, a volte, opposte", aggiunge il presidente della Cida.

“Le rassegne stampa quotidiane -rimarca Ambrogioni- grondano di articoli e interviste in cui si passa tranquillamente dal minacciare un incombente crack della spesa previdenziale al disegnare uno scenario fatto di nuovi, felici pensionati sostituiti al lavoro da giovani ex disoccupati. Il tutto accompagnato da tabelle e cifre sulle spese previste e bilanci attesi, che non collimano mai".

“Così, per alcuni, la famosa ‘quota 100’ sarebbe la formuletta in grado di coniugare sapientemente le aspettative di una agognata e serena vecchiaia con le esigenze di un mercato del lavoro bisognoso di ricambio generazionale e di nuove competenze. Per altri, vedi il presidente dell’Inps, la stessa misura comporterebbe oneri insostenibili per il sistema previdenziale, già provato da uno sfavorevole andamento demografico", spiega Ambrogioni.

"Ancora peggio - prosegue il presidente di Cida - se si scorrono le notizie relative al ‘famigerato’ prelievo sulle pensioni d’importo medio-alto. Le cifre che si stima verranno incassate da questo provvedimento sono le più varie: 150 milioni di euro per alcuni, 300 mln per altri, 500 mln per altri ancora. E neanche la platea di riferimento viene indicata con esattezza, come se non si sapesse quanti sono i pensionati in Italia, a quali scaglioni di reddito appartengono, quanto versano di tasse, ecc.".

“E’ una confusione inaccettabile per uno Stato moderno, terza economia europea, settima (o ottava) potenza mondiale. Rivolgiamo un appello alle istituzioni, ai centri di ricerca, alle università e ai politici per un maggior impegno e maggior serietà nell’approccio ai numeri e alle statistiche del nostro sistema previdenziale. Sia nel ‘fotografarne’ la realtà sia, soprattutto, nel prospettarne il futuro andamento alla luce di ipotetiche novità legislative. Non è solo un fatto formale, di ortodossia statistica e attuariale: sull’incertezza e sulla confusione in casa nostra poggiano anche le decisioni che le agenzie di rating si apprestano dare sui nostri conti, sul nostro futuro”, conclude Ambrogioni.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×