24/06/2017piovaschi e schiarite

25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

24 giugno 2017

Cronaca

Perde permesso soggiorno, trans chiusa nel reparto uomini Cie di Brindisi

commenti |

"Lei è Adriana, dal 21 Febbraio è trattenuta al CIE di Brindisi nel reparto maschile". A raccontare la storia con un post su Facebook è il Movimento Identità Transessuale (MIT) che spiega come, nonostante sia in Italia da 17 anni, abbia perso il lavoro, quindi, da tre anni il permesso di soggiorno e sia finita nel Centro di identificazione ed espulsione.

"Adriana da 8 giorni ha iniziato uno sciopero della fame per essere trasferita in un reparto femminile - denunciano -. Non sfugge, come una donna trans trattenuta fra centinaia di uomini sia in costante pericolo". Adriana, spiegano, è riuscita a contattare il MIT e ci chiede di aiutarla nella sua legittima richiesta di essere trasferita in un reparto femminile, al riparo da discriminazioni e violenze. "Per questo motivo - concludono - chiediamo che venga immediatamente trasferita in un reparto femminile, annunciando che se ciò non avverrà ci mobiliteremo come trans e attivisti per la sua incolumità".

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×