16/07/2018possibile temporale

17/07/2018quasi sereno

18/07/2018quasi sereno

16 luglio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Pestati a sangue a Pieve di Soligo: non è stato un rugbista, ma un impiegato 30enne

commenti |

PIEVE DI SOLIGO - Non è stato un rugbista a pestare i due cittadini di origine bengalese la notte di Pasqua in centro a Pieve di Soligo, in piazza Vittorio Emanuele II: sarebbe invece un 30enne di Follina, impiegato, ad aver malmenato i due.

 

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, un’auto si sarebbe posizionata dietro di loro mentre stavano tornando a casa, iniziando a suonare il clacson: non è chiaro se si sita trattato di un diverbio o di un episodio di razzismo.

 

Il conducente dell’auto sarebbe quindi sceso dal mezzo, prendendo per il collo uno dei due bengalesi. L’altro sarebbe intervenuto per difenderlo, ma è stato colpito da due violenti pugni in faccia.

 

I colpi gli hanno causato la rottura delle mandibole e di alcuni denti. 

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×