16 dicembre 2019

Vittorio Veneto

Pesticidi e vigneti: Fregona al lavoro per un nuovo regolamento

Ieri il primo incontro per aggiornare il regolamento di polizia rurale

Stefania De Bastiani | commenti |

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani | commenti |

Pesticidi e vigneti: Fregona al lavoro per un nuovo regolamento

FREGONA – “Abbiamo un regolamento di polizia rurale datato 2007. Tempo ne è passato e l’evoluzione e i cambiamenti che stanno avvenendo nel Comune ci hanno indotto a dire che è necessario metterci mano”. Laura Buso, sindaco di Fregona, spiega il perché dell’incontro tenutosi ieri in Municipio, alla presenza della giunta, dei consiglieri di opposizione, delle associazioni del territorio e di alcuni viticoltori.

“Abbiamo deciso di convocare gli interessanti per capire quali fossero le esigenze e le modifiche da fare al regolamento di polizia rurale. Ieri sera – precisa Buso – abbiamo letto il regolamento di Cappella Maggiore, per la stesura del quale ha contribuito anche il nostro assessore all’ambiente Stefania Pollini. Partendo da quello e tenendo conto delle particolarità del territorio di Fregona, muoveremo delle osservazioni. Ci siamo dati appuntamento tra un mese, per vedere insieme le proposte di ognuno”.

 

Buso precisa che la giunta e i cittadini sentono crescere particolarmente la sensibilità verso il tema dei pesticidi: “L’area coperta dai vigneti cresce, e anche se non sentiamo il problema come ad esempio a Cappella Maggiore, credo sia meglio pensare a una regolamentazione prima. Solo prevendendo si evitano disguidi”.

 

I cittadini, per prevenire ma anche per lamentare un problema che già sentono, si sono uniti in un’associazione, nata di recente proprio per tutelare la salute pubblica, il terriorio fregonese e promuovere un’agricoltura sostenibile. Il comitato si chiama Fregona Terra Viva e ieri era presente all'incontro con una quindicina di componenti. “Parteciperemo a questo gruppo di lavoro condiviso – spiega Pier Lorenzo Parrinello per Fregona Terra Viva – auspicando che il percorso sfoci in un regolamento utile a tutelare la nostra salute. A Fregona si sta sempre peggio: siamo continuamente pompati dai pesticidi e i vigneti si stanno moltiplicando. Alcuni sentieri sono anche chiusi, impraticabili, per via dei vigneti. Il nostro comitato è stato creato da persone che sentono che è il momento di agire, e di promuovere un'azione di sensibilizzazione anche verso la cittadinanza, circa rischi che corriamo respirando sostanze tossiche. Oltre che su come una monocoltura può devastare il territorio. Un’agricoltura biologica è possibile - conlcude Parrinello - ed è quella la strada che bisogna prendere, se vogliamo costruirci un futuro”.

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×