22 agosto 2019

Treviso

Il Piave esonda, l'acqua supera i 9 metri e invade le case

Oltre mille famiglie senza elettricità, domani resta chiuso l'asilo di Vacil che ospita gli sfollati

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Il livello del fiume Piave ha raggiunto il picco massimo di piena nella tarda di mattina di oggi. I Comuni che si affacciano lungo il fiume dopo aver fatto evacuare, ieri sera, i cittadini residenti nelle aree golenali, questa mattina hanno invitato le popolazioni residenti vicino alle aree golenali delle località Saletto e San Bartolomeo a Breda di Piave, Sant’Andrea di Barbarana, Fagarè della Battaglia a San Biagio, e Ponte di Piave, a trasferirsi ai piani alti delle proprie abitazioni per il pericolo esondazione.

L'acqua con il passare dei minuti ha raggiunto il ponte ferroviario di Ponte di Piave, ed è scattata anche la chiusura al traffico, sempre nella mattina di martedì, del ponte che collega San Biagio a Ponte di Piave.

Le criticità e il livello dell’acqua sono monitorare minuto per minuto dal Centro coordinamento soccorsi riunitosi presso la sala operativa dei figli del fuoco, in collaborazione con i sindaci e il supporto della protezione civile che ha monitorato gli argini e posizionato sacchi di sabbia a protezione.

Tantissimi i cittadini e i curiosi assiepati sugli argini a controllare la situazione. Tante le case finite completamente sott’acqua e gli abitanti intrappolati soccorsi dai vigili del fuoco. Nella zona tra Saletto, Fagarè della Battaglia e Sant’Andrea di Barbarana a malapena si intravedevano i piani alti e il tetto delle case.

"I danni del maltempo sono tanti e l’emergenza non è finita e ricordo a tutti che siamo ancora in stato di calamità" - ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia nella conferenza stampa indetta presso l’unità di crisi regionale. “L’ondata di maltempo che ha investito da sabato il Veneto è stata la peggiore degli ultimi 100 anni”, ha detto Zaia.  La portata del Piave è stat di 2500 metri cubo al secondo ed in alcune zone montane sono caduti 700 millimetri di acqua.

Al momento si contano oltre mille famiglie senza elettricità. L’Enel ha già attivato le procedure di riattivazione che potrebbero però  richiedere svariate ore di attesa per gli utenti.

Domani le scuole riapriranno ma il sindaco di Breda Moreno Rossetto, ha emanato l’ordinanza per disporre la chiusura della scuola dell’infanzia pubblica di Vacil anche per la giornata di domani, mercoledì 31 ottobre. “La misura si è resa necessaria in quanto il plesso è attualmente utilizzato come centro di accoglienza per le famiglie costrette a lasciare le proprie abitazioni dopo l’ordinanza di evacuazione per le aree golenali - ha spiegato il sindaco - Tutte le altre scuole di ogni ordine e grado, invece, domani saranno regolarmente aperte”.

 

GUARDA TUTTE LE FOTO DELLA PIENA DEL PIAVE

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×