15 settembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Piazza disastrata, il comune fa causa a progettista e impresa

E' finita in tribunale la diatriba su piazza Cavalieri del Tempio a Follina

Claudia Borsoi | commenti |

FOLLINA - Lavori non eseguiti a regola d’arte e il Comune porta in tribunale progettista, direttore dei lavori e impresa edile che eseguirono la pavimentazione di piazza Cavalieri del Tempio. Non avendo trovato un accordo extragiudiziario, l’amministrazione comunale ha deciso di dar corso all’azione giudiziale per rovina e difetti di cose immobili.

 

Il Comune, che prima ha eseguito sull’area delle perizie in proprio, poi si è affidato al parere di un ctu (consulente tecnico d’ufficio) nominato dal tribunale di Treviso, è ora deciso ad ottenere il ristoro del danno quantificato in circa 80mila euro. Già nell’estate 2016 il Comune aprì il contenzioso con la ditta e l’ingegnere.

 

«A distanza di un anno e mezzo, non avendo trovato un accordo bonario con le parti non ci è rimasto che fare causa» afferma il sindaco Mario Collet che ha sempre sperato che si potesse trovare un’intesa.

 

«Quell’accordo, su proposta del ctu, non è stato accettato – ricorda il sindaco -. Avevamo chiesto circa 80mila euro per mettere a posto le parti più ammalorate e per fare degli interventi di consolidamento su quelle che, se pur si presentano bene, potrebbero in futuro avere dei problemi. Eravamo disposti a concorrere anche noi per trovare una soluzione che mettesse fine alle diatribe. Ora, dunque, non ci resta che salvaguardare l’interesse del Comune».

 

I lavori di pavimentazione della piazza, a due passi dall’Abbazia di Follina, vennero eseguiti tra gennaio ed ottobre 2008 per un investimento del Comune di circa 300mila euro. A distanza di alcuni anni le prime mattonelle della pavimentazione iniziarono a saltare via. Fatto un sopralluogo, il tecnico del Comune aveva certificato che «parte della pavimentazione lapidea dell’area interessata dai lavori risulta ammalorata e presenta fenomeni di progressivo distacco rispetto alla sottostante soletta in calcestruzzo armato».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×