24/06/2017piovaschi e schiarite

25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

24 giugno 2017

Vittorio Veneto

Piazza Meschio, atti segretati

Saracino denuncia: “Così noi consiglieri tagliati fuori”

Claudia Borsoi | commenti |

VITTORIO VENETO – La vicenda di piazza Meschio si farà ancora più oscura. D’ora in avanti nemmeno i consiglieri comunali potranno visionare i documenti relativi al cantiere e alle sue lungaggini burocratiche che si trascinano dal 2009.

 

Matteo Saracino, consigliere di Partecipare Vittorio, nelle settimane scorse aveva fatto in Comune una richiesta di accesso agli atti per capire le evoluzioni sull’accordo transattivo votato dal consiglio comunale un anno fa per il completamento di piazza Meschio, ma mai sottoscritto tra le parti (Comune, Zurich e Edilvi) davanti al notaio.

 

Alla luce dell’incarico legale affidato lo scorso 28 febbraio dalla giunta allo studio Cedron e Zamagni di Rimini, il Comune gli ha risposto picche, citando l’articolo 13 “Atti sottratti all’accesso” del regolamento che evidenzia come possano essere sottratti all’accesso i documenti di pareri resi in relazione a liti in potenza o in atto, ma anche gli atti defensionali e relative consulenze tecniche.

 

“Non mi risulta che per piazza Meschio ci sia una controversia in atto – afferma Saracino -, vengono sottratti ora all’accesso atti che invece lo scorso anno quando c’era un contenzioso in atto come il ricorso al Tar di un privato o la stipula di un’Atp (l’accordo votato in consiglio un anno fa per il completamento della piazza ndr) erano accessibili. Non mi resta che chiedere ad un legale se ciò sia lecito, perché così noi consiglieri siamo tagliati fuori e non possiamo essere di aiuto alla città”.

 

Nello specifico, Saracino aveva chiesto di visionare alcuni documenti della corrispondenza dei mesi scorsi tra Zurich e Comune: “Dalle carte che ho avuto emerge una buona volontà della Zurich: ha formulato delle proposte alternative, ma non so quali. Senza contare che se quell’accordo non è mai stato sottoscritto, non so quale controversia possa nascere. E’ questo – conclude – la trasparenza e la partecipazione tanto sbandierata in campagna elettorale dal sindaco? Non avevano detto che avrebbero messo online tutti i documenti relativi a piazza Meschio?”. Di piazza Meschio, e delle proposte che Zurich avrebbe fatto al Comune, se ne discuterà il 18 aprile nel corso della IV commissione consiliare.

 



Claudia Borsoi

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×