27/05/2017quasi sereno

28/05/2017quasi sereno

29/05/2017quasi sereno

27 maggio 2017

Vittorio Veneto

"Piazza Meschio in cento giorni". Ne sono passati mille, e tutto è come prima

La situazione pare addirittura più complicata rispetto al passato

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Sono passati esattamente mille giorni dall’insediamento del primo cittadino Roberto Tonon a Vittorio Veneto, avvenuto l’8 giugno 2014. Aveva promesso di risolvere il problema di piazza Meschio in 100 giorni a partire dalla sua prima mattinata da sindaco.

 

Ne sono passati mille, e nulla è cambiato. Anzi, la situazione della piazza sembra oggi più ingarbugliata rispetto a prima: se prima infatti il contenzioso riguardava solo l’impresa Edilvi, oggi si prospetta all’orizzonte uno scontro anche con l’assicurazione Zurich. Secondo gli accordi approvati dal consiglio comunale, infatti, la compagnia avrebbe dovuto realizzare i lavori a proprie spese.

 

Dall’amministrazione è però arrivata l’accusa di non aver rispettato i patti. La conclusione? Zurich respinge ogni responsabilità, e si prepara ad una lotta fatta di carte bollate e sentenze. Gi elettori, circa tre anni fa, hanno realmente creduto ad un possibile cambio di passo nella vicenda: piazza Meschio era chiusa da 5 anni, e Tonon sembrava il deus ex machina in grado di dare una svolta alla questione.

 

Almeno nei primi mille – ribadiamo, mille – giorni questo non è avvenuto. Ne basteranno altrettanti per arrivare alla conclusione di questa (disperata) vicenda?

 



Roberto Silvestrin

Loading...

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Vaccini obbligatori per iscrivere i figli a nido e materna. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.914

Anno XXXVI n° 10 / Giovedì 25 maggio 2017

IL FUTURO SARA' L'AUTONOMIA?

Veneto autonomo? C’è il referendum Al voto il prossimo 22 ottobre. Insieme alla Lombardia. Obiettivo dei proponenti: meno Stato

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×