15/08/2018sereno con veli

16/08/2018quasi sereno

17/08/2018sereno

15 agosto 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Pieve e Refrontolo iper videosorvegliate

Sette varchi lettura targhe saranno installati nei due Comuni

commenti |

PIEVE DI SOLIGO - Sette varchi lettura targhe saranno installati, entro fine anno, a Pieve di Soligo e a Refrontolo, andando così a potenziare la rete di videosorveglianza del territorio. Un progetto che i due Comuni hanno messo nero su bianco nel “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” siglato con la Prefettura di Treviso.

 

Obiettivo è migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini e contrastare furti e ogni altra azione illegale. «Questo accordo – spiega il sindaco di Pieve di Soligo Stefano Soldan – è stato siglato per far rientrare il nostro Comune in un sistema di coordinamento per il controllo del territorio della Prefettura, perché fare rete è determinante per un miglior risultato. Ora l’augurio è che ci possa essere un’adesione collettiva a questo patto da parte di tutte le amministrazioni comunali, senza contare che questo accordo ci permetterà di attingere ad ulteriori contributi per progetti finalizzati alla sicurezza».

 

A Pieve Soligo, dati alla mano, i furti in abitazione o le truffe ai danni di persone anziane sono problematiche reali. Nel 2012 la rapina alla gioielleria Toffolatti e l’omicidio di Emanuele Simonetto in via Zaniol hanno contribuito a generare tra i cittadini un diffuso senso di insicurezza. Da qui la volontà di dotare il territorio di un sistema di varchi stradali videosorvegliati con lettura automatica delle targhe dei veicoli in transito.

 

Due varchi saranno collocati a Refrontolo, uno lungo la provinciale 38 via Crevada, l’altro all’incrocio tra via Cavalieri di Vittorio Veneto e via Vernaz (strada provinciale 86). Gli altri saranno installati a Pieve di Soligo per monitorare tutti gli accessi al paese, da sud, da ovest e da nord: in via Conegliano all’intersezione con via Pezzolle, in via del Lavoro, in via Cal Zattera, in via Schiratti all’incrocio con via Giovanni XXIII e il settimo lungo la strada provinciale 4 via Vallata. La Prefettura si è invece impegnata a mettere a disposizione forze di polizia per far fronte ad esigenze straordinarie del territorio.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×