25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Lavoro

Pirani (Uiltec): "Ripresa occupazione c'è ma va sostenuta".

AdnKronos | commenti |

Roma, 12 set. (Labitalia) - "Questi dati Istat vanno letti con attenzione al di là delle polemiche politiche. Abbiamo un aumento degli occupati e anche un aumento delle persone che cercano lavoro, e questo vuol dire che nella famiglie è presente una percezione di avvio di ripresa e anche chi in precedenza era scoraggiato si è rimesso in moto alla ricerca di un lavoro. Quindi, al momento c'è una ripresa che va sostenuta, qualificandola in termini di investimenti, di riduzione della pressione fiscale e di sostegni ai salari, a partire dai rinnovi dei contratti, come quelli dei lavoratori pubblici". Così, con Labitalia, Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec, commenta i dati di oggi dell'Istat sull'occupazione.

Secondo il dirigente sindacale, "ci stiamo avvicinando dal punto di vista dell'occupazione ai dati pre-crisi, quelli del 2008, con due differenze fondamentali". "Innanzitutto tra le persone che lavoravano nel 2008 e quelle che lavorano oggi c'è una differenza del 7% della produzione in meno. Vuol dire che a parità di numero di lavoratori oggi il Paese produce il 7% in meno", avverte.

"E, seconda cosa, rispetto al 2008 -conclude- stiamo assistendo a una riduzione delle ore lavorate e dei contratti a tempo indeterminato, e a un incremento dei part-time e dei contratti a tempo. Quindi si deve accrescere la qualità dell'occupazione, del lavoro".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×