22/02/2018pioggia debole

23/02/2018pioggia debole

24/02/2018variabile

22 febbraio 2018

Lavoro

Pirani (Uiltec): "Ripresa occupazione c'è ma va sostenuta".

AdnKronos | commenti |

Roma, 12 set. (Labitalia) - "Questi dati Istat vanno letti con attenzione al di là delle polemiche politiche. Abbiamo un aumento degli occupati e anche un aumento delle persone che cercano lavoro, e questo vuol dire che nella famiglie è presente una percezione di avvio di ripresa e anche chi in precedenza era scoraggiato si è rimesso in moto alla ricerca di un lavoro. Quindi, al momento c'è una ripresa che va sostenuta, qualificandola in termini di investimenti, di riduzione della pressione fiscale e di sostegni ai salari, a partire dai rinnovi dei contratti, come quelli dei lavoratori pubblici". Così, con Labitalia, Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec, commenta i dati di oggi dell'Istat sull'occupazione.

Secondo il dirigente sindacale, "ci stiamo avvicinando dal punto di vista dell'occupazione ai dati pre-crisi, quelli del 2008, con due differenze fondamentali". "Innanzitutto tra le persone che lavoravano nel 2008 e quelle che lavorano oggi c'è una differenza del 7% della produzione in meno. Vuol dire che a parità di numero di lavoratori oggi il Paese produce il 7% in meno", avverte.

"E, seconda cosa, rispetto al 2008 -conclude- stiamo assistendo a una riduzione delle ore lavorate e dei contratti a tempo indeterminato, e a un incremento dei part-time e dei contratti a tempo. Quindi si deve accrescere la qualità dell'occupazione, del lavoro".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×