17/11/2018sereno

18/11/2018quasi sereno

19/11/2018nuvoloso

17 novembre 2018

Treviso

Pizzicato a rubare viene denunciato, poi torna al Pam e minaccia il responsabile

Il 25enne voleva che venisse ritirata la denuncia nei suoi confronti

commenti |

polizia pam

TREVISOIntervento della polizia nel primo pomeriggio di lunedì al supermercato Pam di via Zorzetto su richiesta di un dipendente, dato un ragazzo aveva prelevato delle bottiglie di birra e poi altri generi alimentari che aveva nascosto all’interno dei pantaloni e giunto alle casse aveva pagato solo le bibite dirigendosi poi verso l’uscita.

Fermato dal personale del supermercato e dai poliziotti giunti tempestivamente sul posto, il giovane, un 25enne italiano, inizialmente ha negato di aver sottratto alcun bene, ma poi ha restituito le confezioni rubate, ormai danneggiate.

Il ragazzo, già sottoposto ad obbligo di dimora in un comune della provincia, è stato così denunciato per tentato furto aggravato.

 

Verso le 17, la sala operativa della questura ha inviato nuovamente una volante al supermercato Pam, in quanto il responsabile lamentava la presenza dello stesso giovane, tornato sul posto a qualche ora di distanza. Il 25enne si era avvicinato a lui spintonandolo e richiedendo con insistenza che venisse ritirata la denuncia nei suoi confronti. Dato che l’addetto del supermercato si rifiutava di farlo si è innervosito alzando la voce nei confronti di alcuni dipendenti e danneggiando alcune confezioni di alimenti. Il giovane è stato nuovamente rintracciato dagli agenti che lo hanno invitato ad avvicinarsi all’auto di servizio per sentirlo in merito ai fatti appena accaduti.

Lui però ha iniziato ad alterarsi anche nei confronti dei poliziotti e ad opporre resistenza al controllo, andando in escandescenze. Con l’ausilio di un’altra pattuglia in servizio in zona, gli operatori sono riusciti a farlo salire sul veicolo e a portarlo in questura, dove ha continuato ad avere un atteggiamento ostile verso gli agenti. Il 25enne è stato così denunciato nuovamente per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

 

Alla luce del comportamento tenuto ripetutamente nell’arco della giornata, la questura chiederà all’autorità giudiziaria l’aggravamento della misura cautelare già in atto.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×