23 luglio 2019

Treviso

Poche lucciole, tanto can-can

Il corteo padovano delle squillo più che una protesta, diventa spettacolo (trash) di piazza

admin | commenti |

immagine dell'autore

Doveva arrivare da tutta Italia, ma - dopo una notte di lavoro - hanno preferito dormire. Le prostitute che ieri, a Padova,  avrebbero dovuto sfilare in massa contro la legge-anti-lucciole del sindaco Zanonato hanno dato forfait e il corteo partito dalla stazione contava sì e no una ventina di squillo, transessuali compresi. Al contrario i marciapiedi della città del Santo pullulavano di curiosi. Che, alla fine, si sono uniti al corteo. perché il tema della prostituzione spopola davvro in questi giorni. Ne parlano i soliti (Gentilini: "Facciamo le cooperative dell'amore") e quelli che non aprono mai bocca. O quasi. Se torneremo o no alle case-chiuse lo deciderà comunque il parlamento. Nel frattempo a Preganziol e dintorni, le case chiuse sono state sostituite dalle casa viaggianti: le prostitute si sono dotate di camper ed è qui che ricevono clienti. In barba ai divieti e alle multe-da-sesso mercificato.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×