18 gennaio 2020

Vittorio Veneto

POLICARPO: I COLLETTI BIANCHI SE NE FREGANO

Altre 9 settimane di cassa integrazione al Lanificio di Vittorio Veneto

| commenti | (3) |

| commenti | (3) |

Vittorio Veneto - Continua il periodo nero del tessile vittoriese: ieri al Lanificio Policarpo Cerruti sono state firmate altre 9 settimane di cassa integrazione. Dal 27 ottobre al 27 dicembre entrerà in vigore la riduzione a 8 ore lavorative settimanali per 100 operai e per 15 impiegati.

"L'azienda punta sulla produzione di qualità e questo ci salva - rassicura il delegato CISL Marco Pietrella - ma ciò non toglie che ci sia una crisi generale nel settore tessile". Crisi di cui risente anche il lanificio di via Marconi, che ha registrato un calo degli ordini del 20%  rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Una situazione difficile che sta logorando la fiducia dei dipendenti del Policarpo Cerruti: "Siamo preoccupati", ammettono i rappresentanti dei lavoratori. E nella quale si fanno sentire con pesantezza anche le divisioni interne. "In un frangente tanto delicato non capiamo perchè i capi turno e gli impiegati restino in disparte e non partecipino agli incontri sindacali", lamenta Pietrella.

"Siamo tutti nella stessa barca, la cassa integrazione tocca sia i reparti di produzione sia gli uffici - commenta il delegato CISL - quindi lancio un appello all'unione ai colletti bianchi".

Il "riposo forzato" per i lavoratori del Policarpo è iniziato a metà settembre, quando l'azienda ha messo in cassa integrazione a zero ore 100 operai per una settimana e per altre tre settimane ha ridotto gli orari di lavoro per diversi dipendenti distribuiti a macchia di leopardo tra i diversi reparti.

Laura Repossi

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×