22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Oderzo Motta

Ponte della Vittoria, intervento agli sgoccioli

A breve riaprirà la struttura chiusa da anni: sarà una passerella ciclo-pedonale che unirà Meduna alla pista ciclabile per Motta

commenti |

il ponte della Vittoria a Meduna

MEDUNA DI LIVENZA - Tra qualche settimana sarà terminato l'intervento della nuova passerella ciclopedonale di Meduna.

Agli sgoccioli l’intervento del Ponte della Vittoria. L’attuale lavoro costituisce il secondo stralcio di un intervento la cui prima parte era stata completata qualche anno fa (quando si decise di alzare il livello del ponte in seguito a una piena del fiume).

Lavori dunque al via lo scorso gennaio per uno sforzo economico da un milione e 200mila euro: permetterà il collegamento tra la nuova ciclabile di San Giovanni di Motta, conclusa di recente, e il centro di Meduna.

L’opera ha visto il via grazie al corposo contributo di 784 mila euro per i comuni di confine, più 327 mila euro residui del contributo del primo restauro.

Il resto, 89mila euro, sono fondi comunali. Nel 2016 fu la ferrarese Tec ad aggiudicarsi i lavori, poi subappalti alla SO.VE. di Torre di Mosto. La struttura è lunga 100 metri e venne chiusa una decina d’anni fa a causa di gravi problemi statici: troppo pericoloso passarvi non solo in auto ma anche a piedi. Il collegamento viario è garantito dal nuovo ponte attiguo.

L’opera è stata al centro di un braccio di ferro tra la maggioranza, che vuole aprire da subito il ponte, e l'opposizione, che invece ha premuto sul tasto dell’apertura del ponte anche alle auto. Dunque tra poche settimane la conclusione definitiva dell’opera.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×