23/11/2017coperto

24/11/2017nuvoloso

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

La popolazione invecchia, il sistema sanitario arranca

Categoria: Altro - Tags: #popolazione invecchia, #anziani, #sistema sanitario

immagine dell'autore

Luca Turchet | commenti |

La popolazione invecchia, il sistema sanitario arranca

Non è un paese per vecchi. Ma nemmeno per giovani.

Dal punto di vista sanitario, la situazione italiana presenta numerose criticità. Sebbene il livello di assistenza sia ancora piuttosto elevato rispetto alla media europea, i costi per ricevere cure mediche all’altezza delle aspettative sono in continuo aumento, soprattutto per quanto riguarda la sanità privata. Un dente rotto a causa di un incidente o uno strappo muscolare durante una corsa possono tradursi in una spesa di centinaia se non migliaia di euro nell’arco di poche settimane.
Fino ad oggi ci sono state solo avvisaglie. Il contributo della famiglia (genitori, nonni e parenti) e i risparmi accumulati dalle precedenti generazioni hanno garantito il supporto necessario per non soccombere alle emergenze. Tuttavia, qualora i cambiamenti in atto proseguissero a questo ritmo, il sistema andrà senz’altro incontro a un rapido tracollo. Nella fattispecie sono 3 le problematiche comuni al paese Italia sul fronte sanitario.

Eccole nel dettaglio

1) POPOLAZIONE SEMPRE PIÙ’ VECCHIA
Il trend in atto vede la popolazione italiana invecchiare e di conseguenza ammalarsi con maggiore frequenza. Ogni anno che passa dobbiamo pagare 8 milioni di pensioni INPS, circa 14 milioni di prestazioni previdenziali e quasi 4 milioni di prestazioni assistenziali.
Il finanziamento oramai avviene interamente a ripartizione, per cui i contributi non sono nemmeno lontanamente sufficienti a pagare le pensioni. Un bilancio negativo testimoniato dai 100 miliardi di trasferimento dalle casse dello Stato a quelle dell’INPS.

2) TEMPI DI ATTESA SEMPRE PIÙ’ LUNGHI
Vista l’età media della popolazione e quindi lo stato di salute generale che interessa una buona fetta degli italiani, accedere al servizio sanitario pubblico significa fronteggiare tempi di attesa a volte biblici.
Mesi e mesi per un semplice esame diagnostico, anni interi per un’operazione chirurgica o un trapianto di organi. Tutto questo espone migliaia di persone a rischi seri nel breve e nel lungo termine. Risultato? Quando accade l’imprevisto, si finisce per ricorrere a strutture private, con inevitabili costi urgenti e non preventivati.

3) CURE MEDICHE SEMPRE PIÙ’ COSTOSE
I punti precedenti gettano le basi per un terzo effetto negativo che si ripercuote sulla totalità della popolazione: i costi per le cure mediche. In una sistema efficiente e bilanciato, questi sarebbero contenuti e sostenibili per tutti.
Ma quando il sistema è sotto pressione e il numero di malati supera quello delle persone sane, ecco che i costi lievitano, sia nel pubblico sia in particolare nel privato. L’unica chance per uscire dal tunnel è avere un paracadute da aprire nel caso ci fosse un evento inaspettato che colpisce noi o la nostra famiglia.
 



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×